La neo preside-assessore lascia la scuola: “Il mio un saluto dolce-amaro”

Mediagallery

“E’ un saluto dolce-amaro: dolce perché indubbiamente sarà una sfida interessante, quel che andrò a fare, ma molto amaro per il distacco da tutti voi”. Con queste parole, ma visibilmente commossa la dirigente Cristina Grieco ha aperto così il suo ultimo collegio docenti presso l’IIS Vespucci- Colombo nell’aula magna di via Chiarini, all’indomani della sua chiamata ufficiale nella nuova Giunta Regionale del Governatore Enrico Rossi, con l’incarico di assessore (leggi qui). “E’stata la mia prima scuola come dirigente per otto anni, quattro anche per il professionale Colombo; mi sono sempre sentita fra colleghi-amici e spero di avervi dato tutto quel che potevo, anche se negli ultimi due anni sono stata meno presente a causa della reggenza del circolo didattico “La Rosa”.  Ho sempre cercato di ascoltare tutti, per questo la mia porta era sempre aperta, perché se un docente bussa significa che ha da comunicare qualcosa, quindi ha bisogno di essere ascoltato – e questo ho cercato di fare. Insieme a voi, infatti, ho ricostruito l’identità di questa scuola, e tutte le decisioni prese sono sempre state volte alla crescita della scuola, pertanto con questa vi lascio, certa che saprete difenderla e portarla avanti nel modo migliore. Un ringraziamento particolare alle persone che mi sono state più vicine, in particolare alla professoressa Santa Giannone, per otto anni al mio fianco come vicepreside e al professor Walter Montorsi, per quattro anni vicario presso la sede di via San Gaetano, a tutto il personale delle segreterie e a tutto il collegio , comprese le tre colleghe giunte al traguardo della pensione, Maila Nosiglia, Mariella Rubegni e Bianca Bellissima”.
Un commiato sentito, non solo dalla Dirigente, ma dall’intero collegio che si è commosso con lei, che l’ha applaudita e l’ha accolta con un enorme mazzo di fiori per augurarle buona fortuna a Firenze, ma consapevole del suo valore come Dirigente scolastico.

Ci preme sottolineare come Cristina Grieco sia arrivata all’ITC Vespucci in un momento in cui l’istituto avesse poche classi ed uno scarno corpo docente e di come, in questi otto anni, l’istituto sia cresciuto notevolmente, sia nel settore tecnico, sia , negli ultimi quattro anche come professionale e liceale, dotandosi di nuove curvature e investendo sulla tecnologia e sulle lingue straniere. Unico istituto cittadino con oltre dieci classi 2.0, registro elettronico ormai in uso da anni, computer in ogni aula, una serie di laboratori multimediali e aule con LIM – insomma un istituto moderno e ben radicato nel tessuto imprenditoriale locale, con protocolli d’intesa con agenzie marittime, spedizionieri, ordini professionali e istituzioni pubbliche, ma anche aperto all’Europa – grazie ai progetti internazionali che ormai da anni vengono portati avanti – e al mondo, visto che nell’indirizzo Relazioni Internazionali per il Marketing si studia la lingua cinese.
E poi il settore professionale cresciuto grazie agli indirizzi dell’estetica e dell’operatore del benessere, che si è andato affermando non solo a livello locale, e il liceo artistico – portando così ulteriori professionalità all’interno dell’istituto. Insomma, un istituto, come ricordato dalla Dirigente, con una identità solida, affermata e riconosciuta.

 

 

 

Riproduzione riservata ©