Giannini, 506 preferenze, il più votato. “Riconosciuto il mio ruolo di oppositore. Ma sarò fuori dal consiglio”

Mediagallery

(ieri 26 maggio il nostro/vostro quotidiano è stato letto da oltre 41 mila lettori. Ci scusiamo per alcuni rallentamenti nell’apertura della home ma Quilivorno.it è stato preso d’assalto tutto il giorno. Superati, il 26 maggio, i 20 mila iscritti alla nostra fan page su Fb. Quasi 2 mila su Twitter. GRAZIE)

Finita l’esperienza di consigliere. 506 preferenze in una meravigliosa lista che ha ottenuto il 2 per cento, primo in assoluto per incidenza di voti nella lista 28,65 per cento, e primo come numero di preferenze in citta’ se si esclude tre soli consiglieri del Pd che si spartiscono però il 35 per cento dell’elettorato. (clicca qui per tutti i voti ottenuti dai singoli candidati a consiglieri comunali lista per lista).
Questo vuol dire che la città mi ha riconosciuto il ruolo di oppositore principale e chiedeva una mia partecipazione alla nuova fase della citta’ per continuare le battaglie intraprese. E’  bello quando una comunità ti riconosce un ruolo che è costato fatica emotiva ma che grazie a molti ho svolto con il sostegno di una grande parte della città che mi ha confermato questa fiducia facendomela sentire con messaggi e calore, i “vai Lambe” di questi giorni si sono moltiplicati e tradotti in preferenze, che potevano essere di piu’ se qualcuno non avesse commesso comprensibili errori nella scheda affiancando il mio nome a quello della lista alleata BL . quindi ringrazio tutti ed in particolare il capolista Luca Filippi per la generosa dedizione, Silvia Bondi mia compagna di viaggio e Jonathan De Giulli mio grande mental coach..elettorale..
Ripeto, il risultato ha del clamoroso se penso che ho doppiato i consensi del precedente mandato, non avendo neppure e giustamente un ruolo prioritario nella lista (ero il numero 16 per ordine alfabetico). Ma a questo punto subentra l’amarezza perché nonostante lo splendido risultato Andrea Raspanti non sara’ al ballottaggio ed io sono fuori dal consiglio, anche se dentro nessun oppositore arrivera’ neppure al 60 per cento dei miei voti, ma la legge e’ cosi’ e si deve accettare. Ho accettato il ruolo di comprimario in una lista di appoggio, perchè ho creduto in Andrea e nel cambiamento, peccato che qualcuno, con un giudizo etico fuori luogo mi abbia considerato non sufficientemente nuovo (cosa che e’ vera e che rivendico sono contento di non essere nuovo di avere una storia personale della quale sono orgoglioso) il nuovismo lo lascio ad altri.. io ho dimostrato di aver contribuito alla causa in modo sostanziale e quantitativo perchè ho ritenuto giusto esserci .

Lamberto Giannini (Un’Altra Livorno-Buongiorno Livorno)

Riproduzione riservata ©