Assessori, nota del portavoce: “Solo un eccesso di zelo”. Nogarin, lancio dal paracadute

Mediagallery

E’ stato sciolto nelle ultime ore il nodo dell’assessore al bilancio (leggi qui la notizia del sindaco intenzionato a lanciarsi con il paracadute). A riempire l’ultima casella, la più importante della giunta Nogarin, sarà Gianni Lemmetti, commercialista, classe ’69, nato a Pietrasanta e residente a Collodi, laureato in economia e commercio (in fondo all’articolo trovate il pdf con il programma di governo).
Inoltre, entra a far parte della squadra anche l’architetto Paola Baldari, livornese, 40 anni, alla quale sono state affidate le deleghe all’edilizia privata e al piano strutturale, in precedenza attribuite ad Aurigi. Con questi due nuovi ingressi i componenti della giunta salgono a 10. Il capogruppo 5 Stelle, Francesco Bastone, con una mail inviata intorno a mezzogiorno ha informato tutti i consiglieri comunali.
Dalla Sicilia, dove si trova in vacanza, il sindaco, inizialmente sarebbe rimasto spiazzato dalla fuga di notizie. “La mail? E’ solo una mail. Le nomine le faccio io”, aveva detto a fine mattinata. Nel pomeriggio, raggiunto telefonicamente da Quilivorno.it, ha precisato: “Quella mail inviata ai consiglieri è l’ultimo passaggio di un iter che ha portato a individuare quelle due figure come nuovi assessori. Dunque, confermo i due nomi. Aggiungo che ci sarà un rimpasto delle deleghe più ampio rispetto a quello fra Aurigi e Baldari”. Il primo cittadino rientrerà domenica. Lunedì il consiglio comunale. Intanto scatta un selfie e lo pubblica su uno dei suoi 2 profili Fb: “Non esiste nessun caso assessori. Ho deciso che nomino San Vito Lo Capo! Che mare!”.

La nota del portavoce del sindaco –  “Non esiste nessun caso, nessun conflitto, tra sindaco e gruppo consiliare di maggioranza sulla questione assessori. La selezione degli ultimi due tasselli della giunta Nogarin è arrivata a termine di un percorso condiviso e partecipato in toto; il gruppo consiliare non ha quindi forzato, né imposto alcunché. È stato semmai un eccesso di zelo, di volontà di avere sempre più una politica intesa alla massima trasparenza ad aver portato il capogruppo a comunicare via mail i nominativi, anziché annunciare che alla prossima riunione dei capigruppo (prevista per lunedì 25 agosto) il sindaco avrebbe comunicato alle forze politiche i nuovi ingressi in giunta. Sicuramente irrituale e forse apparentemente poco rispettoso di un iter istituzionale, in realtà si è trattato di un’incomprensione e niente più. L’interesse della maggioranza è stato, è e sempre sarà rispondere solamente alle necessità dei cittadini. Appaiono dunque risibili e pretestuose le accuse di alcuni esponenti politici, su presunte logiche spartitorie e di fantasmagoriche amicopoli. Le istituzioni non sono mai di parte ma rappresentano tutta la città. Non partendo da giunte “prefabbricate”, questa tempistica si è resa alla fine necessaria, avendo adottato un iter differente con il ricorso alla selezione pubblica tramite curriculum”

Gli attuali assessori, a cui si aggiungono Lemmetti e Baldari –  Sindaco Nogarin Filippo (porto, piano regolatore generale, aziende partecipate, polizia municipale); vice sindaco Sorgente Stella (istruzione, politiche giovanili, pari opportunità, associazionismo, politiche della partecipazione, tutela degli animali); assessore Aurigi Alessandro (urbanistica, lavori pubblici piano strutturale, edilizia privata, supporto diretto al sindaco per tematiche afferenti a prg del porto); assessore Dhimgjini Ina (sociale, terzo settore, sanità, politiche della casa);
assessore Fasulo Serafino (cultura, fondazione goldoni, istituto mascagni); assessore Martini Francesca (personale, lavoro, formazione e innovazione); assessore Gordiani Giovanni (ambiente, protezione civile, commercio, mobilità, artigianato);  assessore Perullo Nicola (turismo, marketing territoriale, sport, folklore).

Riproduzione riservata ©