Candidato sindaco, dopo Simoncini il Pd guarda a Paolo Dario. Il prof-scienziato ci pensa

Mediagallery

Dopo il gran rifiuto a candidato sindaco dell’assessore regionale al lavoro, Gianfranco Simoncini, annunciato su Facebook, il Pd è in attesa di conoscere la decisione del prof-scienziato Paolo Dario, renziano, livornese classe ’51, direttore dell’istituto di biorobotica del Sant’Anna. E’ lui, infatti, il nome nuovo del partito democratico e nelle prossime ore Dario dovrebbe comunicare ai vertici del Pd se correrà o meno alle primarie per il nuovo sindaco di Livorno.
Il nome dell’illustre concittadino sembra aver messo d’accordo tutti quanti in città: sindaco Cosimi, Marida Bolognesi, Marco Ruggeri, Yari De Filicaia e a Firenze: Enrico Rossi, presidente della Regione, ha espresso apprezzamento e stima parlando al telefono con il segretario comunale del Pd, Yari De Filicaia.
In lizza, nella corsa alle primarie Pd per la scelta del candidato sindaco, rimane anche Luca Bussotti, il quale ha detto di voler aspettare la decisione di Paolo Dario prima di esprimersi.  Bussotti, classe ’68, ex assessore all’ambiente e presidente del consiglio di amministrazione di Asa. Da circa 3 anni ricopre l’incarico di ricercatore a Lisbona.

LA SCHEDA DEL PROF-SCIENZIATO PAOLO DARIO
Paolo Dario si è laureato in Ingegneria Meccanica presso l’Università di Pisa, ed è Professore Ordinario di Robotica Biomedica presso la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. E’ attualmente Direttore dell’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna e del Polo Sant’Anna Valdera, centro di ricerca situato a Pontedera. Nel 2003, l’ingegner Dario — al timone dell’istituto di robotica allo Scoglio della Regina — ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, l’onorificenza di Ufficiale della Repubblica Italiana e, sempre nel 2003, il Gonfalone d’Argento della Regione Toscana per meriti scientifici.

Riproduzione riservata ©