Nogarin taglia gli stipendi del 20%

Mediagallery

Riduzione del 20% dei compensi degli amministratori delle Società controllate dal Comune, direttamente (Aamps, Liri, Esteem, Casalp, Spil), indirettamente (Farmali) nonché collegate (Asa). Compensi forfettari (e non più a tariffa) per i membri dei collegi sindacali.
Sono i due punti fondamentali sui quali si articola la delibera illustrata dal sindaco Filippo Nogarin e adottata questa mattina dalla Giunta Comunale, riunita per la sua prima seduta (presenti la vicesindaco Stella Sorgente e l’assessore all’Urbanistica Alessandro Aurigi). Delibera con la quale è stata revocata quella adottata nel 2010 dalla precedente Giunta (la n.443) che determinava appunto i compensi spettanti ai componenti dell’organo amministrativo e del Collegio Sindacale delle Società controllate direttamente e indirettamente.
“Si tratta di un passo molto importante per la collettività – ha dichiarato il sindaco – che va nel senso di applicare fino in fondo i principi della Spending Review”.
Con un atto di indirizzo, il sindaco ha inoltre dato mandato agli uffici comunali di verificare la possibilità di ridurre ai minimi consentiti dai contratti collettivi nazionali di riferimento, anche i compensi dei direttori generali delle società, previo passaggio con l’Avvocatura Civica e con i Sindacati, perché non vengano violati contratti in essere. Gli uffici dovranno inoltre verificare se è possibile erogare la parte variabile dei compensi dei direttori generali solo nel caso in cui l’azienda sia in attivo. Infine, gli uffici comunali dovranno valutare anche la possibilità di destinare parte di queste economie ai dipendenti delle aziende. Nel corso della prima seduta di Giunta il sindaco ha ratificato una serie di provvedimenti precedentemente assunti con atto monocratico (mancando appunto i componenti della Giunta). Fra questi l’approvazione del progetto definitivo per il risanamento del Famedio di Montenero, l’approvazione del nuovo schema di atto aggiuntivo alla concessione in gestione delle piscine comunali.

Riproduzione riservata ©