Feste di divorzio, al Palazzo Pancaldi il party che spopola negli States. I dettagli

La location è quella del Palazzo Pancaldi, all’interno dello stabilimento, interamente a disposizione sia nella sala interna che nella suggestiva terrazza sul mare. Info 377 – 53.57.096, mail: [email protected]

Mediagallery

di CAROLA CENTI (@CENTICAROLA)

Prende il nome di “Wedding-out party o Divorce party” ed è un fenomeno che arriva dagli Stati Uniti e consiste nell’organizzare vere e proprie feste di divorzio e di fine relazione. Un autentico fenomeno di massa che dagli Usa si è diffuso in tutta Europa a partire proprio dal “paese dell’amour” la Francia, che con l’agenzia “The wedding out factory” ha cominciato ad offrire feste di divorzio già nel 2006, seguita a ruota da Gran Bretagna, Austria e Germania. Così ecco che alcuni professionisti dell’organizzazione di eventi hanno intuito il buon affare e dato un tocco glamour a questo rito,dimenticando il lato negativo e vendicativo dell’evento, hanno puntato tutto sull’ironia e l’originalità, a partire dai confetti rigorosamente neri alle pseudo torte nuziali con la sposa che pugnala lo sposo o viceversa, ai portachiavi omaggio a forma di teschio con su scritto “il matrimonio logora”. Un modo comunque per esorcizzare la terribile esperienza della separazione o del divorzio e riprendere i contatti con gli amici e riappropriarsi della vita da single.

Anche in Italia il fenomeno sta prendendo piede, basti pensare che già nel 2010 a Milano si è celebrato il primo Salone del Divorzio, dove venivano fornite informazioni e strumenti di ogni tipo: studi legali, consulenti per i problemi di coppia, agenzie investigative e servizi di antistalking, laboratori che eseguono test di paternità, top ten di canzoni, film e libri dedicati al tema e persino un fotografo specializzato.
Comunque lo si giudichi, è un segnale di profondo cambiamento per la società italiana. In base a dati Istat negli ultimi quindici anni i divorzi sono più che triplicati: se nel 1995 se ne contavano 80 ogni mille matrimoni, nel 2005 si era saliti a 150, per toccare quota 273 nel 2007. In pratica, ogni anno sono 160mila gli italiani che si separano e 100mila quelli che affrontano un divorzio. Anche la nostra città purtroppo non fa eccezione, le separazioni legali sono aumentate del 34% rispetto al 2001 e del 117% rispetto al 1991. Aumentano anche i divorzi con il 99,4% in più sul 2001 e il 246% in più sul 1991.
Sulla scia di questo trend Roberto Gentilini, amministratore di “Eventi Italia Srl”, ha pensato di essere il precursore a Livorno di “Feste di Divorzio”, forte della sua esperienza di organizzatore a Palazzo Pancaldi di eventi, convegni, matrimoni e manifestazioni di vario genere.
La location che ospiterebbe “l’addio alle fedi”sarebbe proprio il Palazzo Pancaldi, che sarebbe interamente a disposizione del “festeggiante” sia nella sala interna che nella suggestiva terrazza sul mare. L’arredamento di design, con particolari sedute e tavolini, dotati di led interni, permettono di creare un ambiente molto intimo e soffuso, così come la sala interna dotata di pareti componibili, atte ad assecondare ogni esigenza e dotata di un’illuminazione particolare che abbraccia ogni tipo di scala cromatica, dal celeste al viola al verde e così via. Un luogo magico per rompere i ponti col passato e brindare ad un futuro roseo e pieno di positività.

Per contatti e info

Roberto Gentilini – 377 – 53.57.096

www.eventiitaliasrl.it

 

Riproduzione riservata ©