Viale Carducci, il Comune pensa a un nuovo semaforo dopo l’esposto contro l’alta velocità

Mediagallery

Rallentatori ottici, un segnale luminoso sulle strisce pedonali e un semaforo pedonale a richiesta come quello in piazza Mazzini. Sono questi i tre interventi che il Comune sta valutando per ridurre la velocità sul viale Carducci. La questione è tornata prepotentemente alla ribalta a seguito di un esposto nel quale le mamme spiegano di sentirsi sicure solo quando ci sono gli agenti all’attraversamento pedonale.
Nel periodo scolastico viene messa la pattuglia alle 8 e alle 13, ma talvolta i bambini hanno uscite anticipate causa assenza docenti (come il caso dell’ultimo piccolo pedone investito). Tuttavia, non è possibile tenervi tutto il giorno una pattuglia. Non essendo poi più previsti per legge autovelox e dossi in centro urbano, la Municipale ha quindi avviato cicli di autovelox mobile per scoraggiare la velocità come domani, martedì 29 luglio, dalle 14 alle 20. L’attrezzatura sarà segnalata secondo quanto previsto dal Codice della Strada. Nel frattempo verranno valutate insieme all’ufficio Mobilità alcune misure per cercare di ridurre la velocità. Tra queste, come detto, c’è l’ipotesi di installare un semaforo a chiamata come quello presente in piazza Mazzini.

Riproduzione riservata ©