Venerdì il caso Aamps torna in consiglio comunale. E Grillo esalta la “#Cura5stelle” di Livorno

Mediagallery

Il consiglio comunale è stato convocato dalla presidente Giovanna Cepparello (ancora in carica fino alla prossima seduta) per venerdì 11 dicembre alle ore 8.30.

Sarà possibile seguire la seduta anche in diretta streaming all’indirizzo internet: http://video.comune.livorno.it

Ecco i punti all’ordine del giorno:

1. Comunicazioni del Sindaco in merito alla situazione attuale di AAMPS in vista dell’Assemblea Straordinaria del 12 dicembre prossimo.

2. Mozione dei consiglieri Valiani, Amato, Caruso, Raspanti, Mazzacca, Grillotti e Pecoretti “Provvedimenti a favore dei precari AAMPS”.

3. Mozione dei consiglieri Cannito, Valiani, Batini, De Filicaia, Bruciati e Amato “Situazione lavoratori SERLOG S.R.G. gara di appalto ENI”.

4. Acquisizione dell’area di proprietà della “Immobiiliare Quercianella srl” posta in Via Falcucci a Quercianella.

5. Variazione Documento Unico di Programmazione 2015-2019.

6. Proposta di deliberazione presentata dai consiglieri Cepparello, Esposito e Fuoti: “Regolamento del Consiglio Comunale – Modifiche”.

E Grillo loda la “Cura a 5 Stelle” di Livorno –  “Livorno dove la decisione, benedetta dal sottosegretario all’economia Zanetti, di non far pagare ai cittadini il buco creato dalle amministrazioni Pd della partecipata AAMPS ha scatenato una campagna diffamatoria mediatica a livello nazionale – scrive Beppe Grillo sul suo blog – Il corpo reagisce anche in positivo, le amministrazioni 5 Stelle godono della fiducia dei cittadini e sanno che chi li governa è incorruttibile, a differenza dei comuni Pd dove l’indagato o l’arrestato sono un evento quasi quotidiano, l’ultimo in ordine di tempo è stato il presidente Pd del consiglio comunale di Casale Monferrato Davide Sandalo. Nessun Tg o giornale nazionale ha ripreso la notizia. In fondo è comprensibile: un arrestato del Pd non fa più notizia.
I cittadini onesti continuano a produrre anticorpi, le elezioni non sono nel 2018 come dice il Bomba, ma tra 6 mesi quando milioni di italiani voteranno per rinnovare 1.200 amministrazioni comunali, tra cui Roma, Milano, Bologna, Torino e Napoli. La #Cura5Stelle continua”.

Due tavoli tecnici in comune- Duplice riunione oggi (lunedì 7 dicembre) a palazzo comunale sull’azienda Aamps e sul Bilancio Comunale 2016 e i servizi.
L’Amministrazione comunale – pur mantenendo ferma la decisione di avvalersi dello strumento del concordato preventivo in continuità (che non è elemento in discussione) – ha convocato due tavoli tecnici distinti al fine di coinvolgere, (secondo un programma interlocutorio di incontri come deliberato dal Consiglio Comunale del 30 novembre scorso) tutte le parti sociali nei processi decisionali relativi al risanamento dell’azienda Aamps, prima dell’assemblea dei soci fissata per sabato 12 dicembre.

Il primo tavolo (convocato per le ore 14.45) ha visto la presenza del sindaco Filippo Nogarin, del vicesindaco Stella Sorgente, dell’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti, dell’assessore al Lavoro Francesca Martini, del Capo di Gabinetto Massimiliano Lami, del dirigente economico finanziario del Comune , Nicola Falleni e del dirigente dell’ufficio personale, Susanna Cenerini.
Invitati a sedere al tavolo i sindacati confederali ( presenti per CGIL Maurizio Strazzullo e Giovanni Golino, per CISL Giovanni Pardini e Uliano Bardini, Claudio Sodano e Angelo Colombo per UIL) per presentare loro il Bilancio 2016 e relativo assetto dei servizi.
Nell’incontro sono stati illustrati nel dettaglio i tagli che metterebbero a rischio numerosi servizi per la città nel caso in cui si precedesse ad una ricapitalizzazione dell’azienda. Tagli per ulteriori 7,5 milioni ( il bilancio 2016 dovrà già subire un taglio di 6,9 milioni per minori previsioni di entrate) che andrebbero ad incidere fortemente su tutti i settori del Comune con ripercussioni sui posti di lavoro.
Dall’incontro è emerso un generale apprezzamento per l’avvio di un tavolo di confronto e proficuo dialogo tra le parti finalizzato alla tutela dei lavoratori. Un confronto che – a detta dei sindacati – poteva comunque essere avviato prima della formulazione della decisione di Giunta. La Giunta da parte sua ha sottolineato l’importanza del confronto ed ha apprezzato l’apertura del tavolo.
E’ stato infatti ribadito, da parte di tutti i soggetti, l’impegno ad una costante prosecuzione del tavolo nel tempo, quale strumento che possa costituire un momento attivo di partecipazione pur nelle differenze dei ruoli e delle competenze.

Tre in sintesi i punti che sono scaturiti dall’incontro.
Primo punto: l’Amministrazione Comunale rimane ferma nel proposito di adottare lo strumento del concordato preventivo in continuità come unica soluzione possibile per il futuro dell’azienda. In un confronto chiaro e aperto ha fugato tutti i punti che sono emersi nel tavolo anche in merito all’indotto.
Dubbi, perplessità e contrarietà sono stati espressi, in merito al concordato, da CGIL e Fiadel che hanno confermato lo sciopero nei prossimi giorni.
CISL e UIL hanno espresso invece dubbi e perplessità ed hanno confermato la sospensione dello stato di agitazione in funzione dell’apertura di un tavolo di confronto con l’Amministrazione.
Secondo punto: su richiesta anche dei sindacati, l’Amministrazione, come espresso in più occasioni, si impegna ad individuare tutti gli strumenti legislativi e contrattuali atti a garantire le assunzioni, nel più breve tempo possibile, dei lavoratori precari.
Terzo punto: l’Amministrazione si impegna a condividere con i sindacati la revisione del piano industriale e del PTF.
Specifico sull’azienda Aamps è stato il secondo tavolo tecnico aperto ancora ai sindacati confederali autonomi, a FIADEL e alle RSU aziendali a cui sono state illustrate le proposte indicate nel tavolo precedente.

Riproduzione riservata ©