Nuovo parco per tutti al Parterre: normodotati e disabili

Mediagallery

L’associazione dei “Camminatori Folli”, con il patrocinio e il supporto tecnico del Comune, lancia una raccolta di fondi per realizzare a Livorno, entro l’estate 2015, un parco giochi inclusivo, dove possano cioè divertirsi insieme bambini con disabilità e bambini normodotati. L’importante iniziativa è stata illustrata alla stampa a Palazzo Municipale dall’assessore all’Urbanistica Alessandro Aurigi insieme al presidente dell’associazione “Camminatori Folli”, Stefano Santomauro. L’area individuata è quella del Parco “Pertini”; occorrono circa 37 mila euro per acquistare e installare alcuni giochi accessibili a tutti e creare, per raggiungerli, un percorso privo di barriere architettoniche.
L’Iban ufficiale per la raccolta fondi è: IT24G0503413900000000004304.

Nelle prossime settimane i “Camminatori Folli” (un gruppo di amici che raggiungono a piedi ogni meta possibile con lo scopo finale di fare beneficenza per situazioni di forte disagio), promuoveranno una serie di iniziative culturali per far conoscere a tutti questo progetto. Come illustrano i “Camminatori Folli”, più nello specifico, un parco inclusivo è un’area giochi che riesce ad accogliere bambini con diversi tipi di disabilità. E’ difficile vedere nei parchi italiani bambini diversamente abili che usufruiscano dei giochi pensati per normodotati (in Italia ce ne sono 6 o 7, concentrati soprattutto nel nord). I parchi accessibili a tutti devono invece essere una diretta conseguenza del Diritto al gioco di tutti i bambini, stabilito dalla Convenzione Internazionale sui diritti dell’Infanzia. E’ importante che il parco scelto sia liberato da quelle barriere architettoniche che diventano ostacolo insormontabile anche se è installato un gioco accessibile a tutti i bambini.

“Tutti” – ha dichiarato il presidente dell’associazione, Stefano Santomauro – è la parola chiave: una struttura accessibile a prescindere dalle caratteristiche fisiche, perché i bambini hanno una naturale capacità di includere gli altri nei loro giochi … magari lo ricorderanno ai grandi proprio giocando in un parco”. L’assessore Alessandro Aurigi definisce i “Camminatori Folli” degli angeli con le scarpe da ginnastica al posto delle ali: “Apprezzo molto questa iniziativa, che è lodevole ed estremamente concreta, oltre che altamente simbolica. Auspico che la città partecipi in maniera eclatante a questa raccolta di fondi, rendendosi conto della portata dell’evento, che starebbe a testimoniare un vero cambio di mentalità della nostra comunità, una tappa fondamentale in un processo di eliminazione di tutte le barriere architettoniche”.

Per tutte le informazioni sulla raccolta fondi e sulle date delle iniziative:

 www.camminatorifolli.it

Facebook./Camminatori Folli

Youtube/Stefano Santomauro

[email protected]

 

Riproduzione riservata ©