The Cage, il sindaco incontra i gestori

Nogarin: “Tanti presupposti a garanzia di una futura sana e proficua collaborazione con l'Amministrazione comunale”

Mediagallery

“Quello che è accaduto al The Cage è vergognoso, un gesto deplorevole da condannare senza appello nei confronti di una struttura e di persone che rappresentano per Livorno una risorsa di indiscusso valore”. Con queste parole il sindaco Filippo Nogarin è tornato a esprimere la propria solidarietà a Toto Barbato e Mimmo Rosa, gestori del locale The Cage in via del Lazzeretto che lunedì 6 giugno era stato oggetto di ben due blitz di vandali.
Lo ha fatto nel corso dell’incontro che egli stesso si era impegnato a fissare con i due gestori all’indomani del grave episodio, che è avvenuto il 14 giugno nel suo ufficio.
“Non è facile cambiare certi comportamenti o modi di pensare – ha detto il sindaco riferendosi agli atti vandalici – quello che state facendo per questa città è un lavoro importante ed è parte integrante di un cammino che dobbiamo fare insieme. Il Teatro Mascagni di Villa Corridi, grazie al Cage, ha ripreso vita, divenendo, per i giovani livornesi, ma non solo, un punto di riferimento fondamentale”.
Nel corso dell’incontro sono stati affrontate varie questioni di ordine logistico e organizzativo che potrebbero portare, già nel breve periodo, un contributo concreto alla gestione del locale, con particolare riguardo agli aspetti legati alla sicurezza.
In particolare è stata presa in considerazione la possibilità di recuperare la ex casa del custode, posta all’interno del parco e al momento inutilizzata, in modo da poterne ricavare uffici di segreteria, da affidare ai titolari della struttura – che lo scorso marzo se ne sono aggiudicati la gestione per i prossimi dieci anni grazie un bando comunale – tale da garantire un presidio giornaliero, al momento assente.
Sul tavolo anche il progetto di riqualificazione dell’area esterna al locale, già presentato all’Amministrazione comunale da parte di Rosa-Barbato, su cui il sindaco ha garantito risposte in tempi brevi, così che il taglio del nastro della nuova stagione, previsto per il prossimo ottobre, possa avvenire in un contesto rinnovato e accogliente. “I tempi di risposta dei nostri uffici sono di diciotto giorni – ha concluso il sindaco – credo che ci siano tutti i presupposti a garanzia di una futura sana e proficua collaborazione”.

Riproduzione riservata ©