Telecamere mobili anti-sosta selvaggia

Mediagallery

Telecamere mobili posizionate sopra le auto della polizia municipale per combattere la sosta selvaggia e chi infrange i divieti di sosta e fermata soprattutto nelle corsie riservate al passaggio degli autobus. “Questi occhi elettronici saranno gli incubi dei furbetti”, ha dichiarato il sindaco Nogarin presente alla conferenza stampa di presentazione degli “Street Control”: due occhi elettronici ad infrarossi e con telecamere ad alta definizione capaci di scansionare con un passaggio in auto le targhe dei mezzi in sosta vietata. “Con un semplice passaggio della nostra pattuglia – ha detto il comandante della Municipale Pucciarelli – questi apparecchi di ultima generazione consentiranno ai nostri terminali di individuare subito le macchine o i mezzi a due ruote sanzionabili. La targa verrà registrata tramite un sistema denominato Ocr e chi sarà in contravvenzione riceverà a casa la foto e la multa da pagare regolarmente entro cinque IMG_20151126_121316giorni dal ricevimento della stessa. Il nostro obiettivo primario sarà proprio quello di limitare al massimo le auto che intralciano il traffico degli autobus e dei mezzi pubblici nelle corsie riservate causando traffico e ritardi nelle corse dei bus. Ma non solo, servirà anche a capire se le auto registrate dalle telecamere sono rubate o meno e se sono provviste di assicurazione regolare. Inoltre potrà essere uno strumento valido per combattere i furbetti che entrano nelle zone Ztl o Zsc senza permesso. Chiaro che il nostro intento è quello che queste sanzioni si avvicinino allo zero assoluto. Vuole dire che i livornesi avranno capito come è giusto parcheggiare, o meglio, dove non si deve parcheggiare”. Il servizio verrà applicato ed esteso successivamente anche alle zone dove regna incontrastata la sosta abusiva. come via Marradi e via di Salviano, e non soltanto lungo le zone con corsie preferenziali per gli autobus.
Un risparmio di tempo e uomini dunque per la municipale che metterà in piedi questo servizio aggiuntivo con metodo e programmazione (e quindi non sporadico) a partire dal 6 gennaio prossimo. Gli occhi elettronici potranno verificare le targhe un lato per volta della strada posizionate sulla carreggiata interessata ad essere scansionata.
IMG_20151126_121343L’ufficio mobile della municipale –Altra importante novità tecnologica sarà quella della stazione mobile della municipale. Un vero e proprio furgone con all’interno tutte le apparecchiature necessarie per far diventare il mezzo mobile della polizia locale un vero e proprio ufficio comunale dove poter richiedere certificati anagrafici, dove poter far carte d’identità e tutto quanto adesso si può fare recandosi Comune.
“Un modo per essere ancora più vicini al cittadino – ha aggiunto Nogarin – e per venire incontro alle esigenze della popolazione. Questo servizio inizierà durante le feste natalizie e verrà regolarmente e adeguatamente pubblicizzato in modo che chiunque ne possa godere”.
Si tratta di tre “valigette” che verranno installate sui mezzi della municipale in cui all’interno ci sarà tutto il necessario per poter svolgere le funzioni d’ufficio che prima si potevano espletare soltanto negli uffici.

Riproduzione riservata ©

54 commenti

 
  1. # luca

    sarebbe opportuno installare anche qualche telecamera ai semafori per i furbi del rosso visto che i vigili o non ci sono o guardano i gabbiani

  2. # Skywalker

    Finalmente un’ottima idea dei grillini. Applicatela pero!!

    PS. Fatela passare tre/quattro volte la mattina e il pomeriggio in Via Marradi a partire dall’angolo di Via Calzabigi…. tra auto dei commercianti perennemente sui marciapiedi e dei clienti in un anno risanate l’AAMPS!!!!

  3. # francesco

    Grazie sig. Sindaco per aver aggiornato il Corpo con strumenti tecnici più adeguati ai tempi odierni !

  4. # fra

    Ottimo, veramente ottimo! Ma non basta. Il Comune pensi seriamente ad installare autovelox e/o telecamere sul Viale Italia ed in Via della Libertà, dove si realizzano le più pericolose trasgressioni al codice della strada, come le altissime velocità, i sorpassi pazzeschi, le inversioni ad U (vera specialità livornese) ed altro.

  5. # Marco

    Oh stingary cambia disco invece di cambia’ soprannome!!

  6. # Manfredi

    Bella cosa! Bravi! (ma non statevene solo a controllare sotto casa del sindaco….un bel giro anche a Montenero, lungo mare, ecc..) altracosa..ma delle belle e salate multe a chi non si ferma alle strisce pedonali?

  7. # lorenzo65

    Bene, sotto il periodo delle feste ecco l’iniziativa giusta per incrementare lo shopping natalizio in centro. Tutti ai mega parcheggi dell’ipercooppe …evvai !!

  8. # adrenalina

    Invece per le auto sopra il marciapiede in Via dell’Oriolino che impediscono il passaggio cosa farete?? Ci devo pensare io con lo sverniciatore??

  9. # Manfredi

    articolo 191 – 1. Quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori, i conducenti devono fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali. Devono altresì dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti pedonali.
    4. Chiunque viola le disposizioni del presente articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 163 a euro 651.

  10. # paolo vaccari

    segnalo le auto in sosta agli angoli di via guerrazzi, kossuth e caduti di nassiria nonchè quelle su tutta la piazzetta dell’ardenza

  11. # orso

    Mi risulta che le multe effettuate con questo sistema tanto caro al solerte sindaco di Castiglioncello che vuole continuare a vessare gli automobilisti in tutti i modi siano state dichiarate illegittime .

  12. # alinoooooooooo

    Boia roba da ventennio

  13. # Skywalker

    Noto che i tuoi commenti son sempre attinenti all’argomento trattato. Ma come si dice… contento te…

  14. # orso

    Qualcuno spieghi al sindaco di Castiglioncello,sempre solerte nel perseguitare gli automobilisti oppure al giornalista nel caso abbia riportato male la comunicazione, che esiste l’art.201 del codice stradale che ha fortemente ridimensionato l’utilizzo dello street control .Questo e’ permesso ESCLUSIVAMENTE PER IL DIVIETO DI FERMATA.Infatti laddove questo non ci sia,brevi soste con il conducente a bordo non possono essere sanzionate.E nel caso di divieto di sosta prima di fare la multa l’operatore (quindi serve il suo intervento)deve accertarsi se si possa direttamente notificare.

  15. # R

    Bravi!!! Era l’ora!!! Ma le farete anche a quelle in divieto di sosta perenne tra gli alberi di Viale Mameli???

  16. # orso

    Dato che col lavaggio del cervello che vi hanno fatto con questi due termini ,”furbetti” e “sosta selvaggia”,non ci arrivate da soli.Siete tutti contenti basta facciano le multe a qualcuno .Chiedetevi quanti “furbetti”stanno in comune e niente ha fatto il vostro sindaco di Castiglioncello ,e chiedetevi anche quando arriverà un progetto per cercare di tamponare il naufragio di quello schifo di ospedale cosi’ caro al vostro sindaco? Li’ che giocattolino tecnologico ci manda ?

  17. # orso

    Poi ci ripenso:questo ora gioca anche a fare lo sceriffo.Figurati se l’incubo e’ la telecamera dei vigili :l’incubo e’ che questo ce lo dobbiamo tenete ancora a fare il sindaco per piu’ di tre anni.

  18. # anti manfredi

    Si ma per i pedoni che si buttano in mezzo alla strada come cinghiali ci vogliono le multe salate!!

  19. # Tyler Durden

    Bene !!!! Aggiungerei anche visite e prova di guida obbligatoria annuale dai cinquant’anni in su……..la città pullula di persone che non sono in grado di stare al volante.

  20. # anti fra

    Le altissime velocità sul viale italia sarebbero 60 km/h la sera d’inverno quando non c’è nessuno? se fosse così mi auguro che prima o poi tu ti becchi una multa che per pagarla devi chiedere un prestito. aibò!!

  21. # ugo

    io non applaudirei tanto……è un segno di mancato controllo del territorio con i vigili, quindi un segno di incapacità di controllo. del governo della città

  22. # Giulio

    Voglio proprio vedere, visto che hanno parlato di corsie preferenziali, se anche la sera dopo le 8 passeranno a fare le multe sulla preferenziale di via Garibaldi dove ci parcheggiano tutti.

  23. # Marco

    Oh Stingary e ruzzo non te ne avere a male!

  24. # Marco

    I 5 stelle vogliono un’italia che viaggia in bicicletta come nel dopoguerra però loro guidano macchinoni Made in Germany 2015 e hanno pure il parcheggio riservato così non lo pagano e neppure rischiano multe. aòò!!! poi i furbetti sono i livornesi che parcheggiano male!

  25. # kamui

    ma un giretto in via indipendenza-via sardi non lo fate mai?? No perchè dice l’Odeon è vuoto, per forza, tutti parcheggiano come gli pare tanto sanno che è più facile vede’ uno Yeti che un vigile, da quelle parti… Vedrai se inizi a fare le multe alle macchine (le solite, tutto il giorno, tutti i giorni), come si impennano le presenza all’Odeon!!!

  26. # lucia

    Sarebbe opportuno installare queste telecamere nelle giornate in cui gioca il Livorno.
    Nelle zone viale N.Sauro, Via Caduti del Lavoro, le auto vengono parcheggiate in ogni dove.
    Forse…..mi domando, in occasione dell’avvenimento e’ permesso ai Sig.ri tifosi la qualsiasi, senza regole e rispetto,. come del resto e’ consuetudine a Livorno

  27. # andrea

    Era ora.
    Comunque a La Spezia questo sistema esiste da anni e addirittura sono montati sugli autobus.

  28. # adriano

    grande nogarin ora voglio vedere tutti quelli nelle corsie dei bus…..

  29. # salvatore favati

    Stabilire divieti e farli rispettare è forse intelligente, ma a Livorno di intelligenza in fatto di traffico se ne è sempre sprecata poca, quindi ci ripenso. Ancor più intelligente sarebbe scrivere regole che non facessero sempre risultare incivili gli automobilisti, e venisse data a tutti ( non solo ai ciclisti, utenti beneficiari non paganti del frutto delle mie tasse…) la possibilità di muoversi e parcheggiare laddove serve. Ma già, a Livorno questo è un sogno a luci rosse!

  30. # Alla Frutta

    Scusate, ma se la telecamera è sopra l’auto dei vigili significa che i vigili sono li presenti. Perché allora non scendono e scrivano? Cavolo ora fa fatica anche a scendere dalla macchina? Al semaforo di via Donnini, girando da via delle sorgenti, c’è sempre pieno di macchine che occupano la corsia perché sono al bar all’angolo a fare colazione, soprattutto la mattina, ho visto passare auto dei vigili che invece di scendere e sanzionare , sono andati dritto invadendo la corsia opposto.

  31. # Claudio della Nord

    Boia. Addirittura 50enni…

  32. # Mario di Borgo

    Gli agenti della municipale devono stare in mezzo alla gente, per le strade, nel bronx della città…..troppo comodo seduti di fronte ad un monitor. Devono avviare una dialettica con i cittadini propedeutica ad una crescita civica. Non è con la repressione che si educano le persone ma con una presenza attiva per le strade capace di far rispettare le regole attraverso una sana educazione stradale. Troppo comodo girare con il blocchetto delle contravvenzioni in mano….girare pagina è d’obbligo..!!!!…

  33. # ERA L'ORA !!!!

    CHI RISPETTA LE REGOLE NON HA DA TEMERE !!!! CHIUSO !!

  34. # andrea

    SI PRECISA CHE IL SINDACO E’ .
    UN 5 STELLE

    Anche a Parma la Polizia Municipale ha ora in dotazione un Auto-Detector, un dispositivo che, mediante tecnologie innovative, consente in primo luogo di individuare i veicoli sottoposti a fermo amministrativo, ma anche di sanzionare le infrazioni più gravi del codice della strada.

    L’annuncio è stato dato in una conferenza stampa dagli assessori Marco Ferretti e Cristiano Casa, affiancati da Pierluigi Allegri di Parma Gestione Entrate e da Massimo Marchinetti, ispettore della Polizia Municipale, che gestirà il dispositivo.

    “Oggi Federico Pizzarotti è a Roma da Napolitano per denunciare, insieme a molti altri sindaci di grandi e medie città, che mancano all’appello oltre 10 milioni di euro per far quadrare il bilancio 2014 del Comune di Parma, per effetto dei tagli statali e delle mancate entrate tributarie derivate dalla legge di stabilità – ha esordito Marco Ferretti – mentre noi siamo qui a rendere noto che c’è un’evasione fiscale di 36 milioni di euro per multe non pagate dal 2004 al 2012, tutte riferite ad auto che ora si trovano in stato di fermo amministrativo, quindi non coperte da efficacia assicurativa. Per quanto possibile dobbiamo provvedere al recupero di quei soldi, se non altro per motivi di equità versi i cittadini di Parma, che rischiano di vedersi drasticamente ridotti servizi essenziali quali asili nido, scuole materne, servizi per anziani e disabili e molto altro ancora. Stiamo semplicemente cercando di colpire l’evasione fiscale, riscuotere il dovuto, incrementare la sicurezza e dare equità al sistema”.

    “Stiamo parlando di uno strumento per il controllo del territorio e per la lotta contro l’evasione fiscale, già adottato in altre città come Torino – ha puntualizzato da parte sua Cristiano Casa – per il momento ci limiteremo alle sole violazioni del codice della strada e per importi dovuti superiori ai 3.000 euro, ma inviteremo tutti coloro che hanno un mezzo in fermo amministrativo a regolarizzarsi, poi, inevitabilmente dovremo colpire con il sequestro del veicolo e le sanzioni amministrative aggiuntive”.

    I numeri del fenomeno sono stati forniti da Pierluigi Allegri, direttore di Parma Gestione Entrate: dal 2004 al 2012 sono state accertate violazioni al codice della strada per 82 milioni di euro, di cui il 70% è stato regolarmente riscosso; restano da riscuotere 24 milioni di euro, che sono raddoppiati per effetto del mancato pagamento. Di questi 48 ne sono stati riscossi 12 milioni e ne mancano all’appello quasi 37. A Parma e provincia figurano come circolanti 10.000 veicoli sottoposti a fermo amministrativo.

    L’ispettore Massimo Marchinetti ha spiegato il meccanismo dello strumento ora a disposizione della Polizia municipale.

    Come funziona Auto-Detector

    Auto-Detector, attraverso tecnologie innovative, permette di leggere costantemente le targhe dei veicoli, parcheggiati o in movimento (su entrambe le carreggiate della strada e in entrambi i sensi di marcia), sottoposti a fermo amministrativo e quindi appartenenti a contribuenti morosi.

    Il dispositivo viene posizionato direttamente sul tetto dell’auto-pattuglia che svolge il suo normale servizio. Auto-Detector elabora le immagini, estrapola i dati relativi alla targa, li visualizza sul display interno all’auto in servizio e li confronta in tempo reale con una “hot-list” presente a bordo del veicolo e contenente l’elenco delle auto segnalate.

    Nel caso in cui si riscontri una targa segnalata, si attiva immediatamente un segnale acustico di allarme, in modo da consentire agli operatori a bordo della pattuglia di intervenire, mentre vengono inviati alla centrale operativa i dati precedentemente registrati per favorire l’immediata localizzazione del veicolo. Per il suo funzionamento non è richiesto di manovrare o orientare i dispositivi sensoriali: tutte le operazioni di riconoscimento avvengono in modo automatico durante la missione, senza che il personale venga in alcun modo distolto dai suoi normali compiti di servizio.

    Lo strumento è già da tempo utilizzato dalle forze dell’ordine in Italia e all’estero con ottimi risultati, come ad esempio presso il comando di Polizia Municipale di Torino, dove il suo utilizzo ha permesso di incrementare il riscosso del 35%.

    Auto-Detector, in futuro, quando sarà utilizzato per tutte le sue funzioni, darà inoltre un aiuto importante per migliorare la mobilità urbana: sarà infatti utilizzabile anche per accertare ed eventualmente sanzionare comportamenti lesivi o potenzialmente pericolosi come la sosta in doppia fila, negli spazi riservati alla fermata dei mezzi pubblici, sugli spazi dedicati alle persone disabili e sui passaggi pedonali, senza che l’operatore debba fermarsi e scendere dal veicolo, avendo cosi un notevole risparmio di tempo.

    Infine, l’Auto-Detector è in grado di individuare, tramite i database precedentemente inseriti, anche auto rubate, auto non revisionate alla scadenza e auto di proprietari con patenti sospese.

    Il dispositivo, una volta individuati i veicoli, consente di procedere al fermo immediato del mezzo, alla sanzione amministrativa (dai 770 ai 3086 euro) da parte della Polizia Municipale, ma anche al pignoramento dell’auto in presenza dell’ufficiale di riscossione.

    “Si tratta di uno strumento prezioso per il controllo della città –ha concluso l’assessore alla Sicurezza Cristiano Casa – perché riducendo in modo significativo i veicoli che circolano senza titolo si riduce di molto anche la percentuale di rischio di sinistri e soprattutto si evita che chi viene danneggiato possa trovarsi privato di qualunque risarcimento assicurativo. L’individuazione delle auto sottoposte a fermo amministrativo sarà la funzione principale che assegneremo all’uso di questo strumento, ma potrà essere utilizzato anche per sanzionare eventuali situazioni di potenziale pericolo per la circolazione e per individuare gli autori di reati”.

  35. # salvatore favati

    scendere a fare multe? tzk… non è tecnologico! e oltretutto si rischia di essere mandato a quel paese; invece con la multa elettronica si riesce a far perdere le tracce, e si invoca l’impersonalità dell’applicazione della legge. Godi, popolo bue? meglio, così t’abitui!

  36. # Fox

    Dal 6 gennaio in poi,
    per favore leggi l’articolo per intero

  37. # Gogo

    Dopo la piazza Mazzini direzione nautico all’altezza del Cristal pizzeria Fanale e il Pampas è divieto di fermata ma a tutte le ore ci sono macchine parcheggiate con restringimento strada pericolosa !

  38. # franco

    altri soldi gettati…perchè i commercianti del centro si ribelleranno a questa innovazione, che non permetterà parcheggi selvaggi..causando loro danni di vendita.. quindi un sicuro futuro dietro-front… o meglio il non utilizzo di questo apparecchio

  39. # uccio

    3 + 5 fanno 8 anni, hai sbagliato il conto…

  40. # Ginogino

    Ma verranno rilevate e multate anche le auto con targa non italiana oppure no ????

  41. # roby

    LE VEDRA’ TUTTE O VEDRA’ COSA LI PARE, O NON VEDRA’ COSA NON DEVE VEDERE?

  42. # asciugati

    No a Livorno quelle sono esentate dalle multe ! Eppure la legge prevede che se chi le guida è residente in Italia da almeno 1 anno deve obbligatoriamente cambiare targa pena il sequestro del mezzo !

  43. # s.m.

    buon giorno, allora si che il comune incrementa le entrate, arriveranno le multe a casa con maggiorazione di spese, mentre se ti fanno il verbale subito hai 5 giorni di tempo per pagarla con lo sconto ecco la presa di giro per recuperare altri soldi, questa è l’Italia

  44. # orso

    Nightmare from Castiglioncello 2.

  45. # Sergio

    Se aumentano strumenti e sanzioni, é perché c’è indisciplina e approfitto, altrimenti non servirebbero a nulla.
    Quindi, siamo noi stessi, con il ns comportamento, a indurre e obbligare il Comune, a prendere provvedimenti sempre più mirati e implacabili.
    I soldi spesi in multe o sanzioni, sono propio buttati nel fosso, meglio giocarci una schedina, non si sa mai, inoltre, dimostrare con i fatti, ai giovani, ai figli, alla nuova generazione, che certe infrazioni SI FANNO NORMALMENTE, tanto ci sentiamo più furbi, non migliorerà le cose in futuro, anzi, al contrario.
    Un appello al Corpo di Poizia Municipale, che tra breve, con un click, potrà spedire centinaia di multe in più al giorno rispetto ad ora.
    Ricordatevi che ci sono situazioni in cui un’auto non dà noia, o una persona ha davvero bisogno di trenta secondi o poco più, rimanendo comunque ml.to vicino al mezzo.
    Un esempio, tempo addietro, mi recai alla farmacia dell’Ospedale, unica aperta, per un bisogno, non c’erano posti, e misi in sosta la SMART, immaginate l’ingormbro, alla fine delle strisce della femata del bus, angolo via Fiume. Non c’era traffico, nemmeno bus o altre auto, solo la mia Smart, in cima, quindi si potevano fermare anche due bus e ripartire.
    Multa e due punti sulla patente, per 15 minuti, e nessuna avuto problemi di traffico per l’auto parcheggiata.
    Siamo esseri umani pensanti, non automi comandati da circuiti stampati, ci vuole buonsenso, e fare le multe quando davvero il comportamento reca danni o fastidio, o per infrazioni importanti. Con quella macchinetta sull’auto, non scenderanno nemmeno, non ci sarà più un dialogo, sempre più macchine, sempre meno umanità e comprensione.

  46. # masssi65

    Per fortuna ci sono i 15- 20enni che guidano bene!!!!!ahahhahahahaha

  47. # dr. Frok

    D’accordo con queste innovazioni. Spero che arrivino presto. A quando sig. Sindaco l’applicazione della ZTL in Venezia? Noi residenti non ne possiamo più, via l’auto da Venezia.

  48. # marco60

    Dovreste mettere pure delle telecamere in via fiume lato Granduca .tutti passano in contromano e senza la lettera perfino i tir per scaricare alla Conad è molto pericoloso. Io vorrei delle spiegazioni

  49. # shipinfo

    Grande Nogarin, più multe per tutti

  50. # StefanoL

    Boia, Andrea… e c’hai detto pio…

  51. # er pomata

    Non entro nel merito ma è possibile che nelle più grandi e importanti citta europee hanno trovato una mobilità sostenibile e a Livorno siamo ancora legati a lasciare la macchina a un metro dal negozio o ufficio? studi hanno dimostrato che chiudere il centro non danneggia il commercio, certo c’è bisogno di infrastrutture parcheggi etc etc etc…

  52. # stefano

    se si riuscisse a sanzionare tutte le infrazioni fatte a Livorno si potrebbe fa un ospedale e uno stadio che un ce l’hanno nemmeno a dubai

  53. # luchino

    i giorni valgono dal ricevimento della raccomandata……………………..

  54. # serena

    Saranno tutte multe illegittime che verranno annullate dal giudice

I commenti sono chiusi.