“Ici, così le scuole chiudono”. Parla il vescovo

Sulla questione Ici per le scuole religiose parla il vescovo Simone Giusti raggiunto al termine della S.Messa alla chiesa di S.Jacopo per la festa del patrono della parrocchia

Mediagallery

di Roberto Olivato

Alle parole del segretario generale della Cei mons.Nunzio Galantino, che riferendosi alla sentenza della Cassazione circa il pagamento dell’Ici alle scuole cattoliche, ha espresso il suo profondo dissenso, sono seguite quelle del vescovo Simone Giusti da noi raggiunto al termine della S.Messa alla chiesa di S.Jacopo per la festa del patrono della parrocchia.
Monsignor Giusti un suo parere sulla sentenza della Cassazione, circa l’Ici ai due Istituti cattolici.  “Quello che avevo da dire è apparso su La Settimana (il quotidiano on line della diocesi, ndr) e pertanto ribadisco che se a Livorno c’è un servizio apprezzato da tutti e ricercato da tutti, senza alcune distinzione di fede religiosa o di credo politico è quello delle scuole paritarie, soprattutto quelle gestite dagli Istituti Religiosi femminili. Questa sentenza costringerà molti Istituti a chiudere, facendo venir meno quella libertà di scelta nell’educazione dei propri figli, che è presente in tutta Europa compresa la laicissima Francia, ma oserei dire in tutto il mondo libero, non certo nella Corea del Nord”.
Allora secondo lei perché tanto accanimento? “ La legge sulla tassazione degli immobili è imprecisa e permette più legittime interpretazioni, visto che altri gradi di giudizio si erano espressi diversamente. Siamo insomma d’innanzi ancora una volta ad una sentenza creativa, ovvero la Magistrature vuole legiferare e sostituirsi agli altri organi dello Stato”.

Il ministro Giannini – Di quanto sia discutibile tale sentenza lo si evince anche dalle parole di Stefania Giannini, ministro pubblica istruzione: “Penso che forse ci sia una riflessione da fare, in una regione come il Veneto, senza paritarie, Stato e Regione si troverebbero in enormi difficoltà economiche e strutturali. In quella regione il 67% dell’educazione infantile e della scuola primaria è coperta dalle scuole paritarie”. A favore di queste scuole parlano anche i numeri dove lo Stato, a fronte di un costo di 520 milioni, risparmia grazie alle paritarie, sei miliardi e cinquecento mila euro. Quindi in un momento di profonda crisi come quella che stiamo attraversando, la sentenza pro pagamento Ici da parte della Cassazione alle due scuole cattoliche di Livorno, se venisse esteso a tutte le scuole paritarie presenti sul territorio nazionale, che sono poco più di tredicimila con circa nove milioni di alunni, segnerebbe la loro fine e lo Stato non potrebbe risparmiare i miliardi suddetti, buttando al vento quasi una finanziaria. Forse la riflessione richiesta dal ministro Giannini sarebbe auspicabile.

La sentenza – La Corte di Cassazione ha riconosciuto la legittimità della richiesta dell’Ici avanzata nel 2010 dal Comune di Livorno agli istituti scolastici del territorio gestiti da enti religiosi.
Con le sentenze 14225 e 14226 depositate l’8 luglio, la suprema Corte ha di fatto ribaltato quanto stabilito nei primi due gradi di giudizio, sentenziando che, poiché gli utenti della scuola paritaria pagano un corrispettivo per la frequenza, tale attività è di carattere commerciale, “senza che a ciò osti la gestione in perdita”.
In proposito il giudice di legittimità ha precisato che, ai fini in esame, è giuridicamente irrilevante lo scopo di lucro, risultando sufficiente l’idoneità tendenziale dei ricavi a perseguire il pareggio di bilancio.
E cioè, il conseguimento di ricavi è di per sé indice sufficiente del carattere commerciale dell’attività svolta.
Si ricorda che il contenzioso che vede contrapposti il Comune ed alcuni istituti scolastici paritari, è sorto nel 2010 a seguito della notifica da parte dell’ufficio Tributi di avvisi di accertamento per omessa dichiarazione e omesso pagamento dell’Ici, per gli anni dal 2004 al 2009. In particolare gli importi relativi alle scuole “Santo Spirito” ed “Immacolata” sono pari a € 422.178,00.
Si ricorda che anche la Commissione Provinciale Tributaria di Livorno aveva stabilito che l’ICI fosse dovuta, respingendo i ricorsi degli istituti. A questo punto, a seguito delle sentenze, si provvederà a notificare anche gli importi dovuti per le annualità 2010 e 2011, imponibili a fine Ici. Come spiega l’ufficio Tributi, è da sottolineare che questo genere di pronunciamento da parte della Corte di Cassazione è il primo in Italia sul tema specifico. Queste sentenze assumono, tra l’altro, rilievo ai fini dell’interpretazione delle disposizioni in materia di Imu, relativamente all’imposizione fiscale dall’anno 2012. Grande soddisfazione perché si tratta del riconoscimento dell’ottimo lavoro svolto dagli uffici comunali i quali, con l’obiettivo di reperire risorse e lavorare per l’equità fiscale, da anni hanno avviato una linea tesa al recupero dell’elusione e dell’evasione fiscale.

La vicesindaco Stella Sorgente in proposito dichiara: “Abbiamo fatto degli incontri con le scuole interessate e l’ufficio tributi, nei quali era stata proposta un’ipotesi di conciliazione fra Comune e Istituti che sarebbe stata vantaggiosa per le scuole stesse, rispetto ad un’eventuale sentenza favorevole per il Comune da parte della Cassazione. Successivamente ci è stato comunicato dalle scuole stesse che avrebbero invece preferito attendere l’esito del giudizio in Cassazione.
L’Amministrazione comunale è stata ringraziata per il sincero atteggiamento di apertura e dialogo dimostrato, ma non è stata accettata la proposta fatta. Pertanto, adesso che la Cassazione si è espressa con le due sentenze, le scuole sono costrette a pagare l’intero importo, comprensivo delle relative sanzioni.
Ci fa piacere che questa sia la prima sentenza a livello nazionale che riguarda immobili di questa tipologia, destinati ad uso scolastico, affinché sia fatta definitivamente chiarezza sulla legittimità di tali pagamenti tributari da parte degli enti religiosi”.

Riproduzione riservata ©