Reddito di cittadinanza: mille in lista, soldi per 100

L'assessore al sociale: "Entro marzo prevediamo l'erogazione del reddito"

Mediagallery

Si è tenuto lunedì 22 febbraio, alle ore 11 nell’auditorium “Pamela Ognissanti” in via Gobetti, l’assemblea pubblica per illustrare gli esiti della procedura e le successive scadenze del progetto per il Reddito di cittadinanza locale, dopo la chiusura del bando.
“Si tratta di un progetto unico in Italia – ha detto l’assessore al sociale Ina Dhimgjini. Quella che stiamo portando avanti è una sperimentazione, ma stiamo lavorando per renderla strutturale, come lo è già in molti paesi europei. Ci tengo a precisare che queste sono risorse aggiuntive rispetto a quelle già  a bilancio per gli altri interventi sociali. Per l’istruttoria c’è stato bisogno di più tempo perché abbiamo dovuto fare tutti i controlli previsti nel bando, in particolare quello con il centro dell’impiego e per il patrimonio immobiliare. Delle 997 domande ne sono state respinte 73 per mancanza dei requisiti. Di beneficiari ce ne saranno 100, ordinati in base ai criteri descritti nel bando pubblicato a dicembre.  E’ un’iniziativa che agevola soprattutto i nuclei familiari più numerosi, che risultano maggiormente aggiudicatari rispetto ai nuclei formati da una o due persone. Entro marzo prevediamo quindi l’erogazione del reddito, dopo aver esaminato le eventuali osservazioni. Ringrazio tutti quanti – ha detto l’assessore – a cominciare dalle assistenti sociali, hanno lavorato a questo importante progetto, perché crediamo che sia molto utile per la nostra città, soprattutto in questa fase storica”.

Riproduzione riservata ©