Porta a Mare, via ai “tavoli” per il futuro del quartiere

Mediagallery

Entra nel vivo il processo partecipativo “Il futuro è dietro la Porta! (a mare)” promosso dall’Amministrazione per individuare, insieme ai cittadini, strategie e idee per lo sviluppo dell’area di Porta a Mare e dei quartieri limitrofi: Borgo Cappuccini, Borgo San Jacopo e San Jacopo in Acquaviva. Nella sala post consiglio del Comune di Livorno, sono stati infatti selezionati i sei partecipanti al Tavolo di accompagnamento del progetto partecipativo che vedrà alcuni cittadini lavorare fianco a fianco con rappresentanti del Comune e di Simurg Ricerche, il soggetto tecnico che ha in gestione l’attività.
Tra le 23 candidature arrivate (era possibile presentare la propria manifestazione di interesse entro il 15 febbraio scorso), i selezionati sono stati: Ombretta Bachini (in rappresentanza delle associazioni), Iacopo Simonetti (per i giovani), Giada Ciari (per gli imprenditori), Ilaria Lorri (per i cittadini residenti), Elisa Prunai (per i non residenti) e Giansandro Simonini (ultrasessantenni).
Una volta verificata la disponibilità dei soggetti, si potrà partire con la definizione vera e propria del calendario dei lavori, che prenderà il via entro la metà di marzo e si chiuderà nel mese di giugno con la presentazione dei risultati.
Il Tavolo dovrà facilitare la realizzazione delle attività progettuali, partecipare alla definizione della metodologia di lavoro, garantire la rappresentanza dei cittadini nel coordinamento delle attività e garantire il rispetto delle decisioni che emergeranno dal percorso partecipativo.
Erano presenti all’estrazione dei candidati Giovanni Bencini (dirigente del settore servizi demografici e partecipazione), Patrizia Faia (referente del Comune per il processo partecipativo), Claudio Salvucci e Daniele Mirani (responsabili del progetto per Simurg), oltre ad alcuni cittadini che avevano presentato la propria candidatura.
“I cittadini possono dare un valore aggiunto al processo partecipativo facendo sentire la loro voce” dichiara la vicesindaco Stella Sorgente, assente per alcuni impegni istituzionali, riferendosi al progetto. “Chi meglio di loro, infatti, può aggiungere buone idee su viabilità, parcheggi, scuole e verde urbano relativi al quartiere in cui vivono? L’area della Porta a mare e dei quartieri vicini rappresenta un territorio particolarmente ricco: ci sono due musei, un acquario, un centro di ricerche di altissimo livello, varie scuole e istituti superiori, nonché la sede della ex circoscrizione 3. All’Amministrazione il compito di utilizzare al meglio questa opportunità per migliorare l’area, ai cittadini quello di partecipare portando suggerimenti e testimonianze. Ci auguriamo- conclude la vicesindaco – che questa formula di percorso partecipato abbia successo e possa essere esportata anche in altre zone.”
Tutte gli step del processo partecipativo sono disponibili on line sulla rete civica (www.comune.livorno.it<http://www.comune.livorno.it/>), nell’apposito banner “Progetto Partecipa Livorno”, e sul portale della Regione Toscana http://open.toscana.it<http://open.toscana.it/>. I cittadini interessati a partecipare ai laboratori potranno manifestare il loro interesse in qualsiasi fase del processo partecipativo.

Riproduzione riservata ©