Nogarin incontra Aamps: si va verso il recupero

Mediagallery

Aamps. E’ stato avviata un’analisi di dettaglio condivisa sul Piano Strategico Industriale redatto e consegnato al Socio nei giorni scorsi. Percorso serrato per portare l’Azienda in bonis coprendo parte delle perdite presenti nel bilancio 2014 in attesa dell’effettiva approvazione. Massima attenzione al percorso in atto per l’ingresso in RetiAmbiente, la macro-società di Ambito che comprenderà l’aggregazione di 102 Comuni della costa per la gestione dei rifiuti. Il preannunciato incontro tra il Sindaco di Livorno Filippo Nogarin, affiancato dall’assessore all’Ambiente Giovanni Gordiani e dal CdA di Aamps SpA, e le OO.SS. e la RSU ha dato gli esiti auspicati trovando una convergenza di intenti rispetto alla volontà comune di garantire una concreta continuità aziendale, tra l’altro mai messa in discussione da tale amministrazioni comunale.

Nell’occasione il Sindaco ha confermato l’avvenuta conversione in Legge del Decreto Legge 78/2015 che dispone all’art. 7 comma 9 l’inserimento nella Tari dei crediti diventati inesigibili della Tia degli anni 2006-2012. Ciò permetterà di ridurre lo squilibrio di bilancio a circa 11 milioni di euro permettendo al Comune di Livorno di portare avanti il piano di risanamento su cui gli uffici tecnici stanno già lavorando. Ora, in accordo con il Collegio dei Sindaci Revisori, saranno messi in atto i passaggi tecnici necessari per la riclassificazione del progetto di bilancio tenendo conto delle importanti decisioni di indirizzo della Giunta e del Consiglio Comunale. L’assemblea societaria, in programma per questo pomeriggio, si è aggiornata ai primi di settembre per giungere alla definitiva approvazione, rispettando i tempi tecnici necessari all’adozione delle varie modifiche.

Sindaco, CdA e organizzazioni sindacali hanno anche condiviso la necessità di arrivare entro dicembre 2015 alla definizione di un nuovo piano di produttività a vantaggio dei lavoratori e per un’ulteriore miglioramento nell’erogazione dei servizi al cittadino.

Riproduzione riservata ©