Aamps taglia le auto e incassa 50mila euro

50mila € di ricavi dalle vendite e progressivi risparmi sui costi di gestione. Nogarin: “Razionalizzare per migliorare ulteriormente i servizi e fare risparmiare i cittadini”

Mediagallery

Da 36 autovetture di proprietà a 24, di cui 21 a noleggio, con un ricavo complessivo dalla vendita all’asta di circa 50.000 euro (di questi 20.000 euro derivanti dalla prima procedura di vendita che si è conclusa a febbraio e 30.000 € dalla seconda vendita chiusa nei giorni scorsi) e progressivi risparmi sui costi di gestione negli anni a venire per bolli, assicurazioni, carburante e manutenzioni pari a circa il 23% (35.000 euro/anno).
La cura di dimagrimento avviata dal Comune di Livorno in Aamps e messa in atto dal nuovo management procede a ritmi serrati anche sul versante della dotazione dei mezzi.
Nei prossimi giorni sarà avviata una nuova asta pubblica per la dismissione di ulteriori 10 Fiat Panda immatricolate nel 2007, con il precedente incanto che aveva già favorito la rinuncia a 20 vecchie auto immatricolate tra il 1997 e il 2002. Tra l’altro sono state restituite al mittente, senza alcun aggravio di costi, due auto ritenute “eccessive” nel percorso di ricerca della massima sobrietà ma anche inutili per l’espletamento dei servizi: si tratta di una Smart e di una Peugeot di rappresentanza a cui non è stato fatto percorrere nemmeno 1 km.
Al termine dell’iter preventivato Aamps avrà a disposizione 21 Fiat Panda acquisite con la formula del “noleggio a lungo termine” (60 mesi) dalla ditta “Arval” di Scandicci (Firenze) che, tra l’altro, è fornitore di auto anche per il Comune di Livorno, oltre 3 autovetture di proprietà della vecchia dotazione.
Tale piano di rinnovamento del parco vetture consentirà di disporre di mezzi più performanti nel rispetto delle norme in materia ambientale, garantendo, al contempo, una maggiore sicurezza per il personale operativo che ne farà quotidianamente uso.
“Il nuovo management sta lavorando alacremente – commenta Filippo Nogarin, Sindaco di Livorno – e ha individuato interessanti margini di profitto e di miglioramento in più settori che, a breve, troveranno riscontro diretto. Il tutto a vantaggio della comunità ma anche degli stessi dipendenti che potranno operare con maggiore slancio alla ricerca della massima efficacia ed efficienza nei servizi erogati al cittadino. Tra l’altro – conclude il Sindaco – Aamps è dotata di un’officina per la riparazione dei mezzi operativi e di servizio con strutture, macchinari e know how che potrebbero essere messi a disposizione anche di altri soggetti per cogliere ulteriori e vantaggiosi ricavi. Anche questa chance non ce la faremo certamente sfuggire”.

Riproduzione riservata ©