Tirrenica, via al progetto. Pedaggio “libero”

Mediagallery

Dopo oltre 50 anni di tentativi, Regione Toscana, Regione Lazio, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero delle Infrastrutture, Autostrade per l’Italia e Sat hanno raggiunto un accordo per la realizzazione della Tirrenica, l’attesa grande infrastruttura viaria della costa. A Roma è stato firmato un Protocollo d’intesa che definisce il nuovo progetto, costi e tempi di realizzazione e fissa alcune questioni fondamentali come quella del pedaggio gratuito per i residenti. Secondo il presidente della Regione si tratta di un passo avanti serio e concreto rispetto al quale la Regione vigilerà perché si realizzi nel modo migliore e nei tempi previsti. Ecco di che cosa si tratta.

Il progetto – La Tirrenica sarà composta da due parti, un tratto più lungo (circa 120 km) da Rosignano a Grosseto sud, ottenuto adeguando e migliorando l’attuale Aurelia, ed un tratto più breve (circa 50 km) di autostrada da Grosseto sud al confine della regione.
Nel tratto di autostrada saranno previste tre barriere, uno a Grosseto sud, uno a Fonteblanda ed uno a Capalbio.

I costi – L’opera nel suo insieme avrebbe un costo di 1.3 miliardi di euro.

I tempi – Obiettivo è arrivare al progetto esecutivo entro agosto 2016. Così potrà essere probabilmente dato il via ai primi cantieri nel 2017.

Il pedaggio – Il pedaggio sarà ‘aperto’, cioè si pagherà non in base al numero dei Km percorsi ma con tariffe fisse da barriera a barriera, definite in base alla classe del veicolo. Il transito sarà gratuito per 5 anni per i veicoli di classe A dei residenti per tratte di massimo 20 km. Visto che il pedaggio sarà gestito con un sistema ‘aperto’, sarà sempre gratuito il passaggio sui tratti di strada compresi tra barriera e barriera, utilizzando gli appositi svincoli. Dunque chi salirà sulla nuova Tirrenica dopo la barriera di Grosseto sud e scenderà prima di Fonteblanda non pagherà niente, così come non pagherà niente chi salirà dopo Fonteblanda e scenderà prima di Capalbio.
Il numero e la collocazione degli svincoli saranno definiti in fase progettuale.

Nel dettaglio – Analizzando la suddivisione in lotti dell’opera si vedrà che:
– per i lotti 2 e 3 (San Pietro in Palazzi-Scarlino) sono previsti interventi di riqualificazione della vecchia Aurelia, con una nuova pavimentazione, nuove barriere protettive, nuovi svincoli ed altri interventi di adeguamento e messa in sicurezza.
Il progetto esecutivo relativo a questo intervento dovrebbe essere pronto già agli inizi del 2016.
– per il lotto 4 (Grosseto sud-Fonteblanda), sarà costruita una vera autostrada sul tracciato della vecchia Aurelia
– riguardo al lotto 5b (Fonteblanda-Capalbio) il progetto sottoscritto da Regione, Ministero e Autostrade e Sat si rifà a quanto previsto nella delibera regionale n.916 del novembre 2013.
– per i lotti 5a e 6 (Ansedonia-Tarquinia,  nel Lazio) è già avviato il cantiere per realizzare una vera e propria autostrada

Riproduzione riservata ©

20 commenti

 
  1. # capelli d'argento

    e la galleria del Maroccone? anche questa volta dimenticata? che pensino una volta per tutte al traffico pesante e alle conseguenze che comporta sulla falesia……sull’inquinamento dei centri abitati attraversati….

  2. # mascetti

    E ora altri 50 anni per realizzarla…

  3. # Salvatore

    FINALMENTE…….Speriamo soltanto che “I TEMPI” per la realizzazione, non siano LUNGHI…..

  4. # Rossano

    MI pare un gran macello per non dir di peggio.

  5. # Stingary

    ERA L’ORA!!!! Solo che, come al solito, tempi biblici… inizio lavoro forse nel 2017… che paese del menga!!!! A S.Francisco per ricostruire un ponte crollato dopo un terremoto ci hanno messo un mese, in Italia la previsione per rifare il viadotto in Sicilia… 2 ANNI….

  6. # CARDINALE

    E’ solo propaganda elettorale.

  7. # Romme

    L’unica questione interessante è da Grosseto a Civitavechia che transita ancora sulla vecchia aurelia. Per il resto solo costi aggiuntivi e disagi, la variante così comè va strabene. Grazie al sindaco PD di Rosignano, Livorno è ancora tagliato fuori, difatti il primo porto della toscana non entra nell’autostrada Tirrenica. I camion devono ancora transitare dal romito oppure andare a prendere l’autostrada a Pisa che nel tratto fino a Rosignano è carissima.

  8. # all

    L’unica vera opera di cui hanno bisogno i livornesi è la realizzazione del Lotto Zero di cui nessuno parla più. liberebbe il Romito da traffico pesante, traffico di passaggio, ambulanze (che rimangono spesso intrappolate) ecc.

  9. # carlo

    siamo in mano ad una bella congrega di fanfaroni ciarlatani.
    si meraviglieranno solo il giorno in cui accadrà qualcosa di spiacevole allora si incolperanno l’un l’altro.

  10. # max

    Ennesima presa di giro…….non la faranno mai.
    Lotto zero men che mai………………..

  11. # chubby66

    Per chi non sa di cosa stiamo parlando… autostrada progettata negli ’60, nel 1968 viene costituita la SAT una società ai tempi dell’IRI con impiegati e sede che fino al 1993 paghiamo con i nostri soldi (stile società del ponte sullo stretto) per un autostrada che non c’è. Nel 1993 partono i primi 40 Km (Collesalvetti – Rosignano) ma è subito perdite …… secondo me possiamo aspettare altri 50 anni

  12. # ElMoroSchietto

    …e la splendida costa livornese nuovamente trascurata per tutti quei mezzi pesanti che ci circolano. Sindaco Nogarin questo, avvicinandosi una nuova estate, è uno dei problemi che potrebbe risolvere in poco tempo ed eviterebbe che la nostra meravigliosa costa non sia più frantumata dall’eccessivo peso di transito evitando pericolo per bagnanti e turisti, grazie.

  13. # nicola

    Non ne hanno bisogno solo i livornesi ma l’italia intera, per andare da nord e sud e viceversa devi passare per forza dal romito e al minimo intoppo passare di li diventa un calvario.

  14. # bardocci gianpietro

    Nel lotto zero c’è poco da rosicchiare perchè c’è solo un buco da fare, invece nel resto nel resto hai voglia di fare buchi!!!!

  15. # rena

    se fosse vero sarebbe una cosa buona, abbiamo fatto ridere tutta l’Europa chi ne voleva un pezzetto chi la voleva tutta intera chi non la voleva per niente fatto sta che ad ora non c’e’ un tubo e quello che c’e’ e’ abbandonato le buche sono piu’ dei tratti sani

  16. # Bubuares

    C’era una volta ………….. e vissero tutti felici e contenti.

  17. # Teseo

    Lo sapete chi è il Presidente della società Autostrade? Il pugliese Bargone, compagno d’infanzia di D’Alema. E’ inaffondabile come il suo amico. Hanno deciso di farci pagare (cara) una strutrtura che fino a ieri era gratis (costruita comunque con le nostre tasse) ; ora ci fanno due ritocchini e la spacciano per autostrada, e giù con i pedaggi senza un termine… Altrove quando la spesa è pagata dai pedaggi, l’autostrada è gratis. In Italia no. E’ come le Accise sulla benzian, che continuiao a pagare la tassa per la guerra di Etiopia, 1936, che aveva messo il governo fascista. .. e qui i fascisti non c’entrano… Insomma, ci hanno preso in giro. Gli scemi di destra e di sinistra che a Livorno hanno creduto in Matteoli e Cosimi, sono rimasti senza il lotto zero che pure loro avevano promesso. E Bargone se la ride. Penserà: che stupidi, i livornesi che credono a tutto…

  18. # ZenEros lotto zerotto

    Fate veramente schifo! E dovete fa’ ma il lotto zero! Ma ci vuole tanto a capire che sarebbe un’opera fondamentale per Livorno? NOGARIN! Smetti di dormire e lavora per la realizzazione del lotto zero, invece d’intitola’ strade a Benifei o Che Guevara o spende soldi per l’omofobia…

  19. # dr.frock

    Stupisce, ma non così tanto che Livorno non abbia diritto ad avere il suo pezzo d’autostrada. Politici fanfaroni che non difendono la propria città. Conta più Rosignano che Livorno? Ma cosa ci fate a Roma? Gita premio?

  20. # Valerio

    E. Voi che continuate ad andare a votarli…. Urne deserte

I commenti sono chiusi.