Variante Crocino, lavori finiti entro giugno

Mediagallery

Procedono a pieno ritmo i lavori della Provincia per la realizzazione della variante alla strada regionale 206 “Pisana-livornese”, che consentirà di eliminare l’attraversamento del centro abitato di Crocino. Dopo il collaudo del ponte realizzato ex novo sul torrente Morra, sono in corso di esecuzione le opere relative alla predisposizione delle sovrastrutture stradali su cui saranno successivamente posati gli strati di asfalto per la copertura finale.  “L’intervento – sottolinea il presidente della Provincia Alessandro Franchi – sarà ultimato entro il mese di giugno, liberando il Crocino dal passaggio del traffico, soprattutto dei mezzi pesanti, con notevole miglioramento della sicurezza della circolazione stradale e degli abitanti della zona”. La Srt 206 rappresenta, infatti, un’arteria stradale fondamentale nell’ambito della viabilità locale sia per i collegamenti tra le varie aree della provincia pisana con le zone dell’entroterra livornese (Collesalvetti, Rosignano, etc.) e la città di Livorno, sia come alternativa al percorso a pedaggio dell’autostrada A12 Genova-Rosignano. Per questo il traffico che quotidianamente la percorre è particolarmente intenso, con numerosi camion. Per quanto riguarda i lavori realizzati, il cui costo complessivo è di circa 7 milioni e mezzo di euro, gli elementi sostanziali del progetto già ultimati riguardano la rotatoria sul lato nord, all’altezza dell’innesto tra la SRT 206, la nuova Variante e la strada provinciale di Parrana San Giusto; i due sottopassi in corrispondenza di via del Poggione e di via della Valle Benedetta; il ponte di attraversamento del torrente Morra, un’importante opera che ha richiesto soluzioni ingegneristiche necessarie a garantire il libero flusso delle acque nell’alveo del torrente e il passaggio di automezzi sotto la campata. Sono stati costruiti, inoltre, muri di sostegno e opere di ingegneria naturalistica per consolidare le scarpate lungo la strada, oltre ad opere di regimazione idraulica per convogliare le acque piovane.  I lavori della nuova variante, che ha uno sviluppo di circa 1.600 metri, saranno completati con la sistemazione delle barriere di sicurezza e della segnaletica orizzontale e verticale, mentre l’ultima parte dell’intervento riguarderà i lavori all’innesto, sul lato sud, con la 206 e la risistemazione dello svincolo con la strada provinciale della Valle Benedetta.

Riproduzione riservata ©