“Ultimi troiai”. Cartello del mercatino in tv a Striscia

Mediagallery

Commerciante da oltre 30 anni con un inizio lavorativo da ragioniere (“dopo alcuni anni però mi resi conto che tutti quei numeri studiati alle superiori non mi appagavano e decisi di cambiare strada”), barzellettiere e attore per passione, Mauro Chetoni, livornese di 59 anni, ha incrementato di colpo la sua popolarità in città. Come? Finendo a Striscia la notizia. O meglio, non lui direttamente, ma uno dei suoi cartelli (“Ultimi troiai di stagione”) che Cristiano Militello ha mostrato giovedì scorso nella sua rubrica Striscia il cartello e che il 59enne aveva esposto al suo bancone di abbigliamento, sempre presente al mercatino del venerdì a Livorno e Pisa, con il chiaro intento di invitare la clientela a dare una occhiata alla propria merce.
Non è nuovo Mauro a questo genere di “messaggi”. “Mi piace ricordare, per esempio, quando mi inventai “rimanenze di butic”. Sì lo scrissi per come si pronuncia e devo dire che fece parlare”. Ma che addirittura quel “troiai” – così “normale” da leggere per un livornese quanto “assurdo” per l’altro 99 per cento degli italiani – potesse riscuotere così tanto successo non se lo sarebbe mai immaginato. “Non l’ho saputo fino a quando non mi sono arrivate le prime telefonate da parte degli amici che mi spiegavano di aver visto il mio cartello in tv. Vi giuro che a me era sfuggito. Forse qualcuno notandolo lo ha fotografato e inviato a Striscia”.

 

Riproduzione riservata ©