Aamps: stop all’abbandono dei mozziconi

Mediagallery

Per tutta l’estate gli operatori di Aamps, insieme a quelli dell’Associazione “Mare Vivo”, sono stati impegnati assiduamente nelle pulizia della costa. Una serie di attività, coordinate dall’uff. Ambiente del Comune di Livorno, realizzate anche in via straordinaria a seguito delle frequenti mareggiate che hanno portato a terra detriti di ogni tipo ma anche per porre rimedio a situazioni indecorose scaturite da bivacchi notturni o abbandoni scriteriati di rifiuti. Particolare attenzione è stata prestata anche alla raccolta dei mozziconi di sigaretta che, oltre a sporcare, possono causare incendi, ferire i passanti se gettati ancora accessi, inquinare le falde acquifere, uccidere i pesci. Centinaia di migliaia di filtri costituiti da numerosi inquinanti (es. nicotina, benzene, ammoniaca, acido cianidrico, acetato di cellulosa) che, oltre a non essere riciclabili, hanno rappresentato il 40% dei rifiuti che raccogliamo sulle spiagge ogni anno (il 9,5% sono bottiglie di plastica, l’8,5% sacchetti di plastica, il 7,6% lattine di alluminio). Da segnalare che l’info point itinerante del Comune di Livorno e di A.Am.P.S. SpA è stato presente per tutta l’estate negli stabilimenti balneari per informare i cittadini su come disfarsi correttamente dei rifiuti e su come si realizza la raccolta differenziata. Nell’occasione sono stati consegnati anche innumerevoli “mozzichini”, i piccoli contenitori per i filtri di sigaretta, che si auspica possano servire come ulteriore deterrente a salvaguardia del nostro litorale.

Nelle foto pubblicate in pagina i filtri di sigaretta raccolti in una giornata solo alla “Cala del Leone” e il “mozzichino”.

Riproduzione riservata ©