Spacca il vetro del bus, poi scoppia in lacrime

Il reo confesso, un ragazzo appena maggiorenne, è scoppiato a piangere una volta scoperto. Adesso rischia una denuncia per danneggiamento.

Mediagallery

Un ragazzo appena maggiorenne è stato il protagonista di un gesto che ha destato non pochi problemi durante la sera della Notte Blu, sabato 19 giugno (foto d’archivio). Il giovane era a bordo insieme a qualche amico della linea B notturna e gratuita appena istituita dalla Giunta Comunale e fortemente voluta dall’assessore Vece in accordo con Ctt Nord.
Intorno alle 23,30 circa, all’altezza di piazza Guerrazzi con l’autobus in dirittura di arrivo in piazza Grande, un fragore ha sorpreso i tanti passeggeri a bordo del mezzo pubblico e l’autista di linea che ha dovuto interrompere la sua corsa. Cosa era successo? L’adolescente, forse per bravata forse per uno scherzo di cattivo gusto, aveva voluto provare se davvero il martelletto apposto accanto ai vetri del bus fosse in grado di spaccare il vetro “in caso di emergenza”. Il problema è che l’emergenza fortunatamente non è mai esistita. Un colpo secco e il vetro posteriore lato destro del mezzo arancione è andato in frantumi. Sul posto è dovuta dunque intervenire la polizia di stato con due volanti. Il passeggero, reo confesso, è scoppiato in lacrime e ha chiesto ripetutamente scusa pentendosi della sciocchezza appena compiuta. Rimane il fatto che nessuno, nonostante l’autobus fosse pieno, abbia mosso un dito o alzato la voce per impedire di compiere questo gesto al ragazzino. Nessuno si è accorto di niente? “E’ questa la cosa che mi rammarica di più – spiega a Quilivorno.it il dirigente del Ctt Nord Bruno Bastogi – a parte il danno che sarà di qualche centinaia di euro e che il mezzo è ko per qualche giorno. La cosa che mi lascia più perplesso è l’indifferenza della gente che c’era a bordo”.
Il ragazzo adesso rischia una denuncia per danneggiamento.

Riproduzione riservata ©