Via Mastacchi, ritrovato senza vita in casa

Mediagallery

Tragedia in via Mastacchi, nella mattinata del 15 febbraio. Stefano Carpita, di 46 anni, è stato rinvenuto senza vita all’interno del suo appartamento. La scoperta è stata fatta dai vigili del fuoco che sono riusciti ad entrare nella casa del livornese dalla porta principale. Sul posto anche i carabinieri per i rilievi del caso. A dare l’allarme la fidanzata dell’uomo che non riuscendo a mettersi in contatto con il 46enne via telefono ha telefonato alle forze dell’ordine. Da qui è partita la catena dei soccorsi che ha portato i pompieri sul posto i quali sono riusciti ad introdursi all’interno dell’appartamento trovando così senza vita il cadavere di Carpita.
Sulle cause della morte si sta ancora indagando ma da una prima analisi effettuata dal medico giunto sul posto con l’ambulanza della Svs da via San Giovanni sembra che si tratti di un infarto.
Il pm di turno, la dottoressa Fiorenza Marrara, ha comunque disposto l’autopsia per fugare ogni dubbio sulle cause della morte.
Carpita era molto conosciuto in città per la sua attività di atleta nell’Atletica Livorno come lanciatore di martello. Nella vita è stato un funzionario della Provincia di Livorno prima di trasferirsi negli uffici della Asl a seguito della riforma degli Enti Locali.

Riproduzione riservata ©