Rifiuti Zero, il “guru” Ercolini si offre gratis

Mediagallery

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 3 aprile, all’Arena Astra, Vertenza Livorno – Rete per la difesa della salute e dell’ambiente ha incontrato in un dibattito pubblico Rossano Ercolini (nella foto tratta da su profilo Fb di Goldman Environmental Prize), presidente di Zero Waste Italy e  uno dei padri fondatori del sistema di raccolta, riuso e riciclo detta “Rifiuti Zero”.

Ercolini in modo chiaro e con esempi concreti di situazioni italiane e estere, ha spiegato come si possa trasformare un sistema dispendioso e a forte impatto ambientale come quello inceneritorista in un sistema in cui una raccolta differenziata al 70/80% unita a piattaforme e impianti di selezione possa rivelarsi vantaggioso dal punto di vista ecologico, economico e dei posti di lavoro. Secondo Ercolini, inoltre, Livorno potrebbe essere un ottimo polo regionale del riciclo sul modello San Francisco grazie alle sue aree industriali e alla presenza del porto.

Il relatore, però, non ha potuto fare a meno di tirare le orecchie alla presente amministrazione, che nonostante tutte le comprensibili difficoltà a gestire Aamps, fino ad oggi non ha dato segnali di vita in questo senso.
Alla presenza di una delegazione di consiglieri comunali a 5 Stelle (hanno preso la parola Sarais e La Fauci), Ercolini ha offerto la propria disponibilità a collaborare gratuitamente con l’amministrazione sulla questione Aamps-gestione rifiuti all’interno di un tavolo pubblico che coinvolga cittadini, comitati e associazioni. I consiglieri presenti hanno accolto la proposta.
“Noi ci auguriamo – scrive Vertenza LivornoRete per la difesa della salute e dell’ambiente – che il prezioso contributo di una persona come Rossano, le cui capacità sono state apprezzate fin negli Stati Uniti con il Goldman Environmental Prize 2013 consegnatogli da Obama, possa essere “sfruttato” dalla nostra città e ci auguriamo altresì che possa iniziare un ciclo virtuoso di partecipazione pubblica su queste tematiche per poter finalmente invertire la rotta sul tema dei rifiuti”.

Riproduzione riservata ©