Profughi all’Atleti, Nogarin con i residenti. “Se necessario, più sicurezza”

Il sindaco: "Ho incontrato i residenti preoccupati provando a rassicurarli: parlerò con il questore per capire se sarà necessario o meno potenziare la sorveglianza"

Mediagallery

Circa 80 profughi saranno trasferiti all’interno dell’ex hotel Atleti in via dei Pensieri. Al riguardo il sindaco specifica alcuni punti sul suo profilo facebook
“Il complesso ex Atleti dell’Ardenza verrà trasformato in un centro di prima accoglienza che potrà ospitare per 80 profughi – scrive il primo cittadino – Nonostante l’amministrazione comunale sia venuta a conoscenza soltanto attraverso la stampa della scelta della prefettura di spostare una parte delle persone ospitate finora in Venezia in questa nuova struttura, ci siamo già attivati per facilitare il processo di accoglienza.  Ho incontrato i residenti del quartiere che mi hanno detto di essere preoccupati. Ho provato a rassicurarli: già domani contatterò il questore per capire se sarà necessario o meno potenziare la sorveglianza nella zona.  Questo dipenderà dal numero di persone che arriveranno all’ex Atleti. Sarà la prefettura a doverci comunicare quante saranno e quando arriveranno, fermo restando che dovrà trattarsi di un piccolo gruppo di persone, nel rispetto del ‘modello toscano’. In ogni caso, voglio essere chiaro – conclude Nogarin sulla sua nota facebook- Non si tratta di nuovi arrivi ma di persone già presenti sul nostro territorio e attualmente ospitati in Venezia”.

Riproduzione riservata ©