Nogarin twetta: “Piazza Mazzini? Annaffiala te”

Botta e risposta via Twitter fra un cittadino e il sindaco sul prato di piazza Mazzini che chiede perché il prato non viene mai annaffiato: "Enrico hai mai preso in considerazione di farlo te?"

Mediagallery

Botta e risposta via Twitter fra un cittadino e il sindaco sul prato di piazza Mazzini. “@nogarin Ma il prato in piazza Mazzini non viene mai annaffiato? È giallo!!!”, scrive @livornobal. Nogarin replica: “Enrico hai mai preso in considerazione di farlo te. Sarebbe un piccolo bellissimo gesto importante per tutta la città”. Forse neanche il livornese si sarebbe immaginato una risposta dal primo cittadino,  risposta che invece a stretto giro non tarda ad arrivare. Livornobal ci prende gusto e controbatte: “Io? Ma le sembra una risposta sensata? Le rispondo così allora. Assuma mia moglie e ci pensa lei ad annaffiarlo. Che risposte dé”. Nogarin non ci sta e… “@livornobal Mi creda se le dico che la mia risposta è meno folle di quello che può apparire. Prendersene cura è un gesto rivoluzionario!”.

tweet

Poi aggiunge: “Il decoro urbano è uno stato anche mentale. C’è chi lo capisce e lo vive come tale e chi preferisce fare una sterile e inutile polemica. Sarà mia cura risolvere questo problema. Ma una segnalazione agli uffici competenti? Troppo #rivoluzionario?”.
irrigazioneA distanza di poche ore dal “tweet” che ha fatto discutere, il primo cittadino con il suo account twetta un link che rimanda al nuovo sito di effetto Venezia e scrive: “Durante Effetto Venezia potrete assistere al miracolo dell’irrigazione automatica di piazza Mazzini”.

Intanto arriva la risposta comunale del verde – “L’impianto è regolarmente acceso e tratti di erba gialla sono presenti solo nelle parti più soleggiate della piazza e soprattutto nei pressi dell’obelisco. Non mi è possibile aumentare i tempi perché sono già stati calcolati al limite massimo tra quantità d’acqua e tempo per la distribuzione. Verificheremo anche la funzionalità dei singoli irrigatori perché ne abbiamo trovato uno rotto”.

Riproduzione riservata ©