Niente Tan, Nogarin rilancia. “Sì alla Settimana della Vela”

Il sindaco: "Entro due anni torneremo all'eccellenza con la Settimana Internazionale della Vela"

Mediagallery

Non ci sarà il Trofeo Accademia Navale di Livorno quest’anno a far da cornice alla primavera livornese. Il Tan, così era ormai noto in città, si ferma dunque alla 32esima edizione. Il motivo è presto detto. A defilarsi per prima è stata proprio l’Accademia Navale di Livorno e a spiegarlo al nostro cronista è proprio il sindaco Filippo Nogarin. “La manifestazione era ormai decaduta sia da un punto di vista sportivo che di immagine e marketing. L’Accademia Navale di Livorno ha dunque preferito il niente alla mediocrità, defilandosi con anticipo dall’organizzazione di questa manifestazione”. Niente però è perduto. “Come Amministrazione – spiega il primo cittadino a Quilivorno.it – non ci siamo però dati per vinti rilanciando in grande quello che vuol essere un avvenimento di primo ordine alle porte dell’estate. Così quest’anno affronteremo una versione chiamiamola “beta”, di prova dunque, di quella che dal 2017 sarà la “Settimana Internazionale della Vela” a Livorno. Ancora da definire se, come nelle edizioni del Tan, ci sarà una sorta di villaggio Tuttovela o meno. Quello che è sicuro che questa manifestazione nel giro di due anni tornerà a toccare l’eccellenza e a quel punto, la stessa Accademia, ha manifestato già la voglia di tornare ad essere in prima linea come sponsor o come co-organizzatore dell’evento insieme al Comune”.
Nogarin dunque non sta di certo con le mani in mano davanti a un rifiuto così importante e ha già pensato al rilancio di quello che sarà una manifestazione di richiamo turistico internazionale per la città di Livorno. “Questa primavera sperimenteremo l’evento al massimo delle nostre forze trovandoci ormai alle porte coi sassi delle date papabili per la manifestazione – spiega Nogarin – E vi parlo da velista, sarà una delle più belle manifestazioni che si potranno trovare in questo ambito. Torneremo a parlare di eccellenza”.

Riproduzione riservata ©