“Animali esotici al circo” La replica: “Tutto ok”

Mediagallery

Non accennano a placarsi le polemiche attorno agli spettacoli del circo Medrano. Dopo il lungo tira e molla tra l’organizzazione e l’amministrazione sul permesso o meno di poter utilizzare animali esotici (clicca qui), sembrava che si fosse giunti ad un accordo tant’è che gli spettacoli circensi si sono susseguiti senza intoppi. Tuttavia nelle scorse ore sono spuntati due video, girati all’interno del tendone, che mostrano come per deliziare il pubblico, i circensi abbiano fatto ricorso all’uso di giraffe, cammelli e un canguro (clicca in basso per accedere alla videogallery). AnimAnimale Onlus e Animalisti Italiani Onlus ovviamente sono subito insorti chiedendo un incontro al prefetto e inoltrando i due filmanti al sindaco, al responsabile diritti animali, alla polizia municipale ed alla polizia amministrativa. Per fare chiarezza abbiamo contattato telefonicamente il responsabile della comunicazione del Medrano, Marino Alberti: “Posso dire che quello che si sta svolgendo all’interno del circo di Livorno è tutto regolare. Le esibizioni sono state fatte seguendo quello che è il regolamento comunale. L’uso di giraffe e canguri? Ripeto, siamo in regola”. Poche parole ma decise. Tuttavia dando un’occhiata al regolamento comunale (link in fondo all’articolo) e nella fattispecie all’allegato 2, si può leggere quelle che sono le specie animali per le quali è possibile ottenere l’autorizzazione. Cameliadi: Questa famiglia comprende nella Regione Paleartica il Cammello (Camelus bactrianus) ed il Dromedario (Camelus dromedarius), mentre in quella Neotropica la Vigogna (Vicugnavicugna) ed il Guanaco (Lama guanicoe); copostipide dell’Alpaca (Lama pacos) e del Lama (Lama giama) che sono forme domestiche. Zebre, bisonti, bufali e altri bovidi, struzzi e altri ratiti.

Riproduzione riservata ©