Il punteruolo rosso in città. La scoperta in una scuola, viale Italia a rischio

Mediagallery

Il Punteruolo rosso della palma (Rhynchophorus ferrugineus), un piccolo insetto che ha già causato la distruzione di migliaia di palme in tutto il territorio nazionale, tanto da meritarsi la fama di “killer delle palme”, è stato purtroppo riscontrato per la prima volta a Livorno.
La segnalazione proviene dal Corpo Forestale dello Stato di Livorno che negli scorsi giorni ha rilevato una palma totalmente secca, ubicata nel giardino del liceo Cecioni in via Emilio Zola, che mostrava una sintomatologia tipica di attacco da Punteruolo rosso.
Il Servizio Fitosanitario Regionale, allertato dalla Forestale nell’immediato, assieme alla Di­re­zione Didattica dell’Istituto, ha effettuato un sopralluogo ed inevitabilmente confermato la pre­senza dell’insetto, che presenta una colorazione rossastra ed un tipico rostro ricurvo.
Per cercare di arginare la propagazione del Punteruolo rosso, che se indisturbato potrebbe distruggere in un breve arco temporale importanti alberature, come i filari di palme di viale Italia, dovranno essere attuate tempestive misure di risanamento, secondo le competenze del caso.
La normativa vigente prevede la lotta obbligatoria (Decisione 2007/365/CE; Decreto Mini­ste­­riale 07/02/2011); sulla scia della normativa nazionale, la Regione Toscana ha adottato un “Piano regionale di azione per contrastare la diffusione del Punteruolo rosso”, consultabile sul sito web della Regione Toscana, con specifiche disposizioni del Servizio Fitosanitario Regionale.
Le piante colpite dovrebbero essere abbattute, il materiale vegetale triturato e poi trasportato ed incenerito in appositi centri di smaltimento autorizzati (due in Toscana, a San Giuliano Terme e Stazzema). Il Corpo Forestale dello Stato invita i cittadini a segnalare eventuali disseccamenti di palme al Servizio Fitosanitario Regionale ed ai Comuni interessati, anche se casi di dubbia attribuzione.

Riproduzione riservata ©