Il “furbetto” dell’Archivio Notarile. Le Iene smascherano un livornese. VIDEO

L'impiegato: "Così le faccio risparmiare 50 euro". E finisce nel registro degli indagati per peculato

di gniccolini

Mediagallery

GUARDA IL SERVIZIO DELLE IENE – CLICCA QUI

LIVORNO – Tariffa scontata, a metà prezzo, per saltare tutta la burocrazia del caso. Copie non conformi, senza timbri e banconote che scivolavano nelle sue tasche invece di finire nelle casse dello Stato. E’ successo a Lucca, all’interno degli uffici dell’Archivio Notarile, dove un dipendente pubblico livornese è stato smascherato dalla trasmissione “Le Iene” che grazie a un detective privato, dotato di microcamera, e  guidato dalla iena Agresti, ha portato alla luce il “giochetto” dello smaliziato di casa nostra.
Il meccanismo, come dimostra il filmato che vi abbiamo linkato in alto in pagina, è semplice: un cittadino si presenta con la necessità di avere delle copie di un documento notarile ed ecco che entra in campo il “furbetto” che lo porta in una stanza appartata dove, “armato” di fotocopiatrice, fornisce le copie dovute e presenta il suo personale conto. Ed ecco che al posto della tariffa regolare di 100 euro l’impiegato chiede 50 euro (che si intasca letteralmente) e in cambio fornisce una copia non conforme e priva di valore legale senza lo straccio di un timbro.
Il filmato, visionato dalla Procura di Lucca, ha portato ad aprire un fascicolo per peculato  dove è stato inserito il nome del dipendente statale livornese impiegato nella vicina Lucca.

Riproduzione riservata ©