I rifiuti abbandonati? La spesa è 800mila euro l’anno. Centri di raccolta, prolungata l’apertura

L'amministrazione comunale spende circa 800mila euro l'anno per raccogliere i rifiuti abbandonati in strada

Mediagallery

Da 88 a 98 ore. I Centri di Raccolta di Aamps si avvalgono di un incremento di 10 ore complessive nell’apertura degli impianti a disposizione della cittadinanza per il conferimento dei rifiuti differenziabili. Con tale operazione il Comune di Livorno e l’azienda puntano ad agevolare ulteriormente l’utenza rispetto alle richieste di maggiore fruibilità. Al Centro di Raccolta “Picchianti” in via dei Cordai, quindi, si potrà accedere in anticipo alle ore 8.00 (anziché le 9.00) e fino alle 13.00 (invece che alle 12.00). Durante la chiusura proseguiranno le operazioni di prelievo in sicurezza dei materiali da avviare al riciclo e smaltimento alle piattaforme autorizzate. “Il nostro intento – spiega Aldo Iacomelli, Presidente di A.Am.P.S. SpA – è di mettere il cittadino nelle migliori condizioni possibili per disfarsi dei materiali che non desidera più utilizzare. Al contempo cerchiamo di fornire un ulteriore contributo per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, visto che l’amministrazione comunale spende circa 800mila euro l’anno per raccogliere i rifiuti abbandonati in strada. Oltre ai Centri di Raccolta – ricorda Iacomelli – i cittadini possono telefonare al numero verde 800-031.266 per concordare il ritiro gratuito a domicilio. In più abbiamo la app e i social network facebook e twitter per inviarci segnalazioni e richiederci sopralluoghi per eventuali interventi di raccolta e pulizia straordinaria a vantaggio dell’igiene e del decoro urbano”. Il dettaglio degli orari dei tre Centri di Raccolta è disponibile sul sito internet aziendale (www.aamps.livorno.it).

Riproduzione riservata ©