Gara-concorso di Aamps, trionfo per le Mazzini

Mediagallery

Con 650 kg. di rifiuti raccolti le scuole “G. Mazzini” (plesso succursale ubicato in viale Carducci, 16) si aggiudicano la gara-concorso “RecupeRAEE” che ha visto coinvolte, dal 26 aprile al 9 maggio, tutte le scuole medie livornesi (clicca qui per le “Pulizie di Primavera”). Una sfida “a colpi” di piccole apparecchiature ed elettroniche che gli studenti, su invito del Comune di Livorno e di Aamps, hanno trovato inutilizzate nelle rispettive abitazioni ed inserito negli appositi contenitori consegnati in comodato d’uso gratuito. Stiamo parlando di oggetti di dimensioni non superiori ai 25 cm. (come i telefoni cellulari, gli asciuga-capelli o i tablet) che troppo spesso finiscono nei contenitori per l’indifferenziato e che, invece, è opportuno avviare al recupero anche per la presenza di materie prime (es. ferro, alluminio, rame, plastica) e di materiali preziosi (es. oro, argento, rame) riutilizzabili nei cicli produttivi.
Si è trattata di un’esperienza pilota di grande successo che ha trovato il coinvolgimento e l’interesse di decine di insegnanti e migliaia di ragazzi che si sono prodigati nella “gara-concorso” ed impegnati a trasferire le conoscenze acquisite, attraverso una mirata formazione da parte degli operatori di AAMPS, sia tra i coetanei sia nei nuclei familiari. Il progetto, interamente finanziato a livello nazionale dal Centro di Coordinamento RAEE, ha permesso la consegna in premio di una lavagna interattiva multimediale alla scuola prima classificata. Da segnalare che i contenitori per la raccolta delle piccole apparecchiature elettriche ed elettroniche rimarranno a disposizione di tutte le scuole medie per proseguire nelle raccolte. Per il prossimo anno scolastico il servizio sarà esteso anche agli Istituti Superiori cittadini. Si segnala che la graduatoria finale completa è pubblicata sul sito www.aamps.livorno.it nella sezione dedicata.

Riproduzione riservata ©