“Il mondo è in guerra, altro che Belen”

Dalla propria pagina Fb ecco la riflessione di don Paolo Razzauti che organizza giovedì 19, alle 18,30 in via del Seminario 61, un seminario per pregare e riflettere per la pace nel mondo

Mediagallery

Dalla propria pagina Fb, don Paolo Razzauti invita a una riflessione su ciò che sta accadendo nel mondo. E a tal proposito ha deciso di organizzare giovedì 19, alle 18,30, un seminario per pregare e riflettere per la pace e la giustizia nel mondo. L’invito è esteso a tutti, credenti e non credenti, con la speranza che “il nostro grido possa essere accolto ed ascoltato. Un piccolo gesto che vuol essere una provocazione. Vi aspetto?”. Per chi fosse interessato l’ingresso è da via Galilei 1 e da via del Seminario 61.

Il post di Razzauti – Siamo certi di esserci ? Di che cosa ci preoccupiamo nelle cose di ogni giorno? Di tante e piccoli inutili cose, forse ci guardiamo troppo intorno a noi stessi e non sappiamo stendere lo sguardo. La Juve ha passato il turno di C.L, Belen non sta più con il marito, il ministro di turno che non è onesto, il gruppo “X” che vince sul gruppo”Y”, il dolce venuto male, la pioggia che ancora incombe….e tante altre cose. D’altra parte fanno parte della nostra vita! Ma ci accorgiamo di che cosa sta accadendo nel mondo? Ci accorgiamo che ogni giorno centinaia di innocenti vengono uccisi, ci accorgiamo che siamo in “guerra” continua? E la colpa? Il proverbio dice “morì fanciulla”. Ma scusate da dove provengono le armi dell’Isis? Dove vengono fatte le “alte” politiche nazionali ed internazionali? Nei luoghi dell’ “altafinanza” e delle fabbriche di armi! Lo sappiamo? Lo sappiamo che ci sono anche in Italia ? Anche a Livorno? In nome di un falso moralismo e rispetto stiamo rinunciando ai nostri valori religiosi, sociali e “politici”. Ma è giusto? Oggi fanno più “scandalo” le bischerate che l’uccisione degli innocenti o di coloro che vivono con coerenza la propria fede. In altri tempi avremmo fatto barricate, striscioni, manifestazioni; ma oggi dove sono finite tutte quelle persone che hanno manifestato- negli anni per la pace e la giustizia? Possibile che siano tutte scomparse? Possibile che nessuno, neanche su fb, intervenga contro questi massacri? Ed i nostri “politici” di ieri e di oggi dove sono? Gente, svegliamoci, diamoci da fare, perché tra poco ci sarà negata anche la libertà di parola.

Riproduzione riservata ©