Tari, dimenticato di pagare? Ecco come rimediare

Mediagallery

L’Amministrazione comunale ricorda alla cittadinanza che il 16 settembre scorso è scaduto il termine per il versamento della seconda rata della Tari 2014 (tassa sui rifiuti urbani).
Ravvedimento operoso e sanzioni – Si fa presente che il ritardato versamento oltre quella data può essere regolarizzato attraverso il cosiddetto “Ravvedimento operoso”: se il ritardo è compreso tra il quindicesimo ed il trentesimo giorno dalla scadenza del 16 settembre, occorre versare, unitamente al tributo, una sanzione pari al 3% del tributo, oltre agli interessi legali calcolati a giorno. E’ poi possibile regolarizzare il tardivo versamento anche entro l’anno dalla scadenza versando, unitamente al tributo, la sanzione del 3,75%, aggiungendo gli interessi legali calcolati a giorno. In caso di omesso versamento verrà avviato il relativo procedimento, con l’applicazione di una sanzione pecuniaria del 30% dell’importo non versato.
Le modalità di calcolo del “ravvedimento operoso” sono pubblicate nel sito www.comune.livorno.it, link a “tributi”, poi a “Tares-Tari”, infine a “Ravvedimento operoso”.
Per chiarimenti e informazioni rivolgersi a: Uffici Tares/Tari: Via Marradi 118, orari di apertura al pubblico: lunedì e venerdì: ore 9.00 – 13.00; martedì e giovedì: ore 15.30-17.30; mercoledì: chiuso.
Numero Verde: 800.031.266 – Fax: 0586/416.416 E-mail: [email protected] – Sito web: www.aamps.livorno.it .

Riproduzione riservata ©