Ctt, ok al bilancio. Positivi tutti gli indici: i dati

Mediagallery

Martedì 28 luglio, nell’assemblea dei soci di CTT Nord srl (73 Comuni delle Province di Pisa, Livorno e Lucca ed il socio privato CAP di Prato), i presenti hanno approvato all’unanimità il bilancio d’esercizio 2015.
L’esercizio 2015 ha chiuso con un utile di esercizio di 429.715 euro con un risultato operativo positivo pari ad 1.761.737 euro e stanziamento di Irap per 215.955 euro. Di particolare rilievo è il miglioramento dell’EBITDA (Margine operativo lordo) che passa in valore assoluto da 10.319.998 euro a 14.971.208 euro, ed in misura percentuale, rispetto al valore della produzione, dal 12,12 % del 2014 al 14,84 % del 2015. L’utile è stato integralmente destinato alla copertura delle perdite degli esercizi precedenti.
Miglioramento significativo dei principali indici di bilancio della situazione economica ROE (redditività del capitale di rischio), ROI (redditività del capitale investito) e ROS (redditività delle vendite), nel 2014 tutti negativi ed ora tutti positivi con i seguenti valori: +1,26%, +1,04% e +1,62%. L’azienda, sostanzialmente, non brucia più risorse, ma ne genera.
I principali fattori che hanno prodotto tale risultato positivo, in anticipo rispetto anche alle previsioni contenute nel piano industriale, sono sostanzialmente da ricondursi al miglioramento dei ricavi da titoli di viaggio (legata al contrasto all’evasione e all’aumento dei passeggeri e non a manovre tariffarie), al minor costo del carburante, all’ottimizzazione e razionalizzazione del personale che ne ha determinato un minor costo, agli effetti prodotti dal consistente investimento sul rinnovo della flotta (100 nuovi bus Euro 6) che ha prodotto minori costi di manutenzione e minori consumi di trazione nonché, infine, dai benefici ottenuti dalla semplificazione societaria che ha portato all’incorporazione di numerose società del gruppo il cui numero si è dimezzato passando dalle 18 del 2012 alle 9 attuali.
E’ importante ricordare sempre che CTT Nord è l’azienda di Trasporto pubblico locale più grande della Toscana e svolge un servizio urbano, suburbano ed extraurbano su 101 Comuni delle quattro Province di Pisa, Livorno, Lucca e Massa – Carrara e su un territorio disomogeneo, grande quasi 5 volte il Comune di Roma, caratterizzato da una bassa densità abitativa.
Ancora più merito va dato all’azienda considerando che CTT svolge tale servizio essendo oggetto di imposizioni di obblighi di servizio (i contratti sono scaduti da circa cinque anni) che prevedono remunerazioni tipicamente insufficienti a garantire quel ragionevole utile (previsto dalla normativa europea) che garantirebbe all’azienda ancora più stabilità e capacità di investimento. Va invece dato merito di questo risultato a quelle (rare) realtà dove gli Enti hanno ritenuto corretto trattare degli accordi transattivi con l’azienda garantendo così un equilibrio tra servizio e corrispettivo.
Nonostante l’incertezza della gara regionale, l’azienda continua a lavorare nell’ottica della continuità ed il ritorno in positivo dei conti permette anche di assorbire l’aumento del costo del lavoro derivante dal rinnovo del Contratto Nazionale degli Autoferrotranvieri, scaduto nel 2008 che viene posto integralmente sulle spalle delle aziende. Sul lato degli investimenti per l’ammodernamento della flotta, la maggiore criticità è rappresentata dal fatto che la Regione Toscana non ha ancora bandito il programma di cofinanziamento 2015-2016 e considerando i tempi tecnici questo significa che non ci saranno bus nuovi fino al 2017. Tutto questo mentre CTT Nord sta ancora aspettando dalla Regione il saldo del cofinanziamento sui bus acquistati e circolanti dal 2015 per una cifra pari a 5,4 Milioni di Euro.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Manuel

    Allora Cosimi ha avuto ragione. I numeri parlano chiaro da 5 milioni di debiti ad aver salvato posti di lavoro, ad aver migliorato i servizi, ad aver eliminato l’assenteismo.
    Bisogna ammettere le cose anche se ho votato M5S

  2. # Diego

    Penso che perlomeno l’80% dei livornesi non sia d’accordo con te tra i quali io. Qui Cosimi consentimi, non c’entra proprio nulla anzi mi sa che qui ci combini la mano onesta di Nogarin, difatti il bilancio chiuso parla del periodo post-Cosimi, poi permettimi di dubitare che tu hai votato M5S. DIFATTI FILIPPO NOGARIN E’ SINDACO DI LIVORNO DALL’11 GIUGNO 2014! PRIMA DI POSTARE, DOCUMENTATEVI!

  3. # favole

    Rimarrà sorpreso anche il Cosimi a vedere che il CTT voragine di soldi pubblici torna all’utile ora che la gara regionale dei trasporti è stata vinta dal colosso francese Ratp ! Meraviglie della vera concorrenza che fa paura ma la maggioranza dei cittadini ormai è smaliziata e in questi giochetti non ci cascano più !

  4. # tigrotto

    manuel , ma te credi sempre che i ciui volino…

  5. # Zorro

    con tutto quello che hanno tagliato al personale, in termini di mensa, stipendio, premi aggiuntivi, divise, pensionamenti e non assunzioni, aumento delle sanzioni pecuniarie ed a dismisura nei confronti di tutto i lavoratori, contratto di secondo livello imposto dalla dirigenza, mi sarebbe parso strano il contrario. Qui non c’entra nulla ne Cosimi, ne Nogarin, qui siamo presenti in una situazione, dove aziende pubbliche sono diventate ditte, con buona pace di tutte le maestranze; dove i lavoratori, si sono visti decurtare diritti e salari, acquisiti in oltre 50 anni di contrattazione di secondo livello.Per i neofiti, si parla di oltre € 250,00 al mese in meno. Erano buoni tutti ad ottenere risultati così

  6. # Manuel

    CI FURONO PROTESTE DA OGNI PARTE PERCHE’ COSIMI FECE PASSARE ATL IN CCT PERCHE’ ERA UNA VORAGINE DI DEBITI .
    Puoi dubitare ma io come tanti altri votai M5S per protesta e anche questa cosa era una cosa che non condividevo, invece Cosimi in questo caso ha avuto ragione. Se poi non si vuol ammettere le cose fate come vi pare

I commenti sono chiusi.