Cna: nuova campagna contro l’abusivismo

“Non sto più nella pelle: Stop all’abusivismo”: è questo lo slogan della campagna. Per firmare la petizione è possibile andare sul sito o sulla pagina Facebook di Cna Livorno

Mediagallery

“Non sto più nella pelle: Stop all’abusivismo”: è questo lo slogan della nuova campagna di sensibilizzazione che la Cna ha lanciato contro il dilagante fenomeno dell’abusivismo nel settore dell’estetica e del benessere in generale. “Stiamo raccogliendo firme a sostegno di una petizione da presentare alle Istituzioni – spiega il coordinatore sindacale di Cna Benessere e Sanità Daniele Cecconi – affinché intervengano nell’attività di contrasto e repressione di questo fenomeno che espone i cittadini a gravissimi rischi sulla propria salute, e che danneggia pesantemente tutti gli operatori del settore che per esercitare regolarmente ottemperano a tutte le numerose ed onerose normative. Nel settore dell’estetica, dell’acconciatura, dei tatuaggi e dei piercing, sono sempre di più gli operatori improvvisati e quelli che deliberatamente scelgono il sommerso per evadere le tasse ed evitare i costi dell’essere a norma. Purtroppo rivolgendosi agli abusivi ed agli irregolari molti cittadini si espongono, più o meno consapevolmente, a rischi gravissimi soprattutto per la pelle. Cogliere sul fatto gli abusivi è molto difficile, ma non impossibile, soprattutto se si seguono i moltissimi annunci presenti in rete; i controlli – conclude Cecconi – sono però troppo pochi”. Per firmare la petizione è possibile andare sul sito o sulla pagina Facebook di Cna Livorno.

Riproduzione riservata ©