Chiude dopo 57 anni storico negozio

di gniccolini

Mediagallery

La prima saracinesca fu alzata per la prima volta proprio in quegli stessi locali, che il 23 dicembre si spegneranno per sempre, nel lontano 1958. Barnini, lo storico negozio di abbigliamento sugli scali Olandesi, chiuderà dopo 57 anni di attività a ridosso del Natale. A darne notizia sono i maxi manifesti appesi alle tante vetrine che danno aria ai 300 metri quadri di fondo commerciale: “Barnini chiude l’attività, svendita totale”. Un groppo in gola per i tanti clienti che passando da lì si saranno sicuramente ricordati del nonno di Gianluca Barnini, attuale titolare insieme al fratello, che con la cortesia e la professionalità che ha sempre contraddistinto questa famiglia di commercianti ha servito centinaia e centinaia di livornesi.
“Perché chiudiamo? Perché i tempi sono cambiati, è cambiato modo di approcciarsi agli acquisti – spiega rassegnato ma sereno Gianluca Barnini mentre tanti clienti ronzano intorno a manichini e appendiabiti per cogliere al volo le ultime occasioni -Adesso in tanti comprano su internet, anche i vestiti, c’è la grande distribuzione è cambiata concezione del negozio di quartiere. E poi diciamocelo – dice amaro il titolare – il cantiere sempre aperto della Chiesa degli Olandesi non ha certo favorito il passaggio pedonale di clienti. E’ da oltre quattro anni che il marciapiede è interdetto. E questo di certo non ha aiutato il commercio. E poi ci sono le spese di gestione, un fondo così grande in affitto non è semplice mantenerlo con due dipendenti. Sicuramente io e mio fratello ripartiremo con qualcos’altro, magari di più piccolo e più alla portata. Facciamo questo lavoro da 35 anni e la nostra esperienza non verrà certo accantonata. Quello che è certo che il 23 dicembre chiuderemo per sempre questa attività. Dispiace, ma non potevamo più sostenere l’onere di questa, come la chiamano tutti, crisi”.

Riproduzione riservata ©

26 commenti

 
  1. # Pierluigi

    Mi dispiace tanto……. piu c’è crisi e piu aumenta le tasse e i negozianti, artigiani, commercianti ed altro non riescano a pagare i debiti e costretti a chiudere …..

  2. # bumme

    Mi dispiace tanto, sono stato vostro cliente per anni…per la competenza che avete nel vendere…ma onestamente in città non vengo quasi più essendo problematico il parcheggio..oltretutto a pagamento..la zona è sempre più degradata..sai cosa faccio …vado al centro commerciale e se devo prendere la bicicletta vado a fare una bella girata sul mare. La città così non funziona…è inutile che prendiamo esempio dalle grandi città europee..noi non abbiamo musei o centri storici..la gente viene in centro per lo shopping e se non crei le condizioni va da un’altra parte. Semplice.

  3. # Matte

    Tasse su Tasse, questi sono i risultati.

  4. # alex

    Se aprono centri commerciali a raffica e chiaro che i negozi di quartiere chiudono. Consiglio ai Barnini di infilarsi in uno di questi grandi centri commerciali. oramai è l’ultima speranza.

  5. # teseo

    E’ un vero peccato, era un punto di riferimento Barnini. E’ un segno dei tempi, ma non dei tempi che cambiano in meglio… Oggi è il mondo dell’uniformità e del cattivo gusto. A parte il fatto che mi trovavo benissimo come rapporto prezzo-qualità. Mi dispiace per i titolari, persone gentili e disponibili.

  6. # Alla Frutta

    I centri commerciali sono sempre aperti, anche la domenica. In centro si chiude alle 12,30 e si riapre alle 16,00. La domenica naturalmente chiusi. Il mercatino americano idem. Questa estate ho visto tutisti arrivati con le navi ( e ne sono arrivati migliaia e migliaia ) vagare per il centro tra negozi chiusi e di aperto soltanto pizzerie bar gelaterie e catene tipo Zara, H e M, Tezenis , ecc. Mi sono trovato di domenica per lavoro in venezia e turisti che mi chiedevano il perche del mercatino americano, delle fortezze e dei negozi chiusi. La mia risposta? This is Leghorn. Tutti al mare. Ma poi non vi lamentate dei centri commerciali. Vi siete datti harakiri.

  7. # alberto franzoni

    ciao brava gente sicuramente saro’ vostro cliente come sempre da qualche altra parte,,,,

  8. # luchino

    di parcheggi è pieno…..poi se si vuole tutto gratis il discorso è un altro.Ammettiamo che piace di più andare in un centro commerciale perchè si trova di tutto e di più nel solito posto

  9. # danny

    più che di tasse parlerei di mancanza di lavoro… oltretutto in italia l’evasione fiscale è un ampia fetta del Pil, ovviamente non mi riferisco al Sig Barnini ,persona squisita e competente che tra parentesi è uno dei pochi che ha ammesso che è cambiato il mondo del commercio e questo non dipende certamente dalla città di livorno (internet nel giro di pochi anni creerà problemi anche ai centri commerciali cosi la critica della mancanza di parcheggi etc etc si rivolgerà altrove) è il mondo che cambia, e come già commentato da un altro utente, non in meglio

  10. # morgia

    Sono suo coetaneo e sono contento per lui. Dopo una vita di lavoro riesce ad andare in pensione, io non posso in quanto dipendente le leggi attuali non me lo consentono. QUINDI non mi fa pena, anche se sono contento per lui che ha la possibilità di andare in pensione, cosa che io NON posso fare! Perchè lo stato non ha incassato, in passato, le giuste tasse che ora impone!!!!! e chi vuol capire capisca.

  11. # Lucy

    Dai dai, la politica delle grandi multinazionali ha vinto, tutti a comprare in quelle orribili catene di negozi che ormai hanno appestato il mondo, musica a palla e merce di pessima qualità. La bella vetrina che era il centro di Livorno qualche anno fa sarà solo un ricordo, ci stanno veicolando nei centri commerciali, tutti vestiti uguali, non volevano la globalizzazione? Ci stanno riuscendo. Che tristezza. Preferisco andare nei negozi di quartiere, si trova della bella roba a prezzi ottimi, c’è ancora professionalità, i miei soldi preferisco darli ove possibile alla persone della mia città.

  12. # realista

    Bravo.

  13. # Rino

    La crisi è alle spalle, siamo in ripresa!!!! Si, si, ora te lo dicevo che ripresa…..

  14. # Lami

    …ma l’hai letto l’articolo???…..chiudono perché sono strozzati dalle spese e dalla trasandatezza della zona…..se dicono che poi faranno qualcos’altro, magari di più piccolo, è evidente che in pensione non ci possono andare…

  15. # teseo

    Caro Morgiano, invece di fare elucubrazioni nebbiose sul capitale investito dallo Stato su di te, sugli sprechi passati, ecc… fai due conti della serva su quello che il medesimo Stato spende oggi per mantenere centinaia di migliaia di cosiddetti profughi con le nostre tasse: almeno 35 euro al giorno per i vizi soltanto di ciascuno di loro, moltiplicato per…. ? Fai il conto e vedrai che non siamo stati noi la causa degli sprechi in passato, e dello sfacelo odierno, ma che questa bancarotta deriva da incoffessati investimenti sull’ideologia del melting pot… sulla quale tutte le parti politiche sono d’accordo.

  16. # teseo

    Brava Lucy ! Sono perfettamente d’accordo. Se tutti avessero la tua onestà mentale, saremmo fuori della crisi.

  17. # Mau

    Ė vero che oggi le Lacoste oggi si prendono su internet pagando la la metà ma è proprio quella zona troppo degradata e anche se i lavori del finto restauro della chiesa olandese vanno avanti nessuno sa mai quando finiranno…insomma fatevi un giro e vedrete quanti fondi sfitti…manco i cinesi ci vogliono investire

  18. # marco62

    Caro luchino, bumme ha ragione, con la mentalità di chiudere il centro sotto il falso ideologismo, per una città come Livorno, di renderla più vivibile porta solo ad allontanare il cittadino dal centro stesso. Non so la vostra età ma qualcuno si ricorda di quante persone circolavano a tutte le ore in tutti i giorni della settimana in via Ricasoli e nel resto della città qualche anno fa sicuramente più rumorosa ma sicuramente viva. Ora sembra di andare nel nulla e chi frequenta il centro dopo le venti sono solo sbandati pronti solo a derubare o a commettere atti vandalici

  19. # bumme

    Sul fatto di trovare tutto forse hai ragione…prima si andava in città a fare una giratina di piacere intanto guardavi le vetrine e appena potevi compravi , ora ti ripeto la città non attira più come prima e la giratina la faccio sul mare A GRATIS scusa se mi permetto di non pagare il parcheggio e vado al centro commerciale per gli acquisti….anche lì SENZA PAGARE IL PARCHEGGIO GIÀ PAGATO PROFUMATAMENTE CON LE TASSE….ma te pagalo mi raccomando! …è giusto

  20. # bumme

    Verissimo!

  21. # emme

    Questa strada é stata tracciata via via dalle scelte delle amministrazioni locali che per incompetenza e per necessita’ economica e politica hanno deciso di decentralizzare i servizi. Allora se non ci sono necessita’ particolari perche’ andare in centro se nelle periferie si trovano soluzioni piu’ praticabili?

  22. # 0586

    dicono che chiudono in centro ma non ti dicono se riapriranno magari dentro ad uno dei tanti centri commerciali….dispiace per lo storico negozio ma quello che mi ricordo è che era uno dei negozi più belli e CARI di Livorno o mi sbaglio??!!

  23. # Rosa

    Gentilissimo sig. Barnini ,
    Capisco!
    Bisogna capire quando è il momento di cambiare.
    Lavoro come consulente aziendale e so perfettamente quali sono i problemi.
    Niente agevola il commercio, i lavori pubblici fatti per cercare di agevolare alcune persone portano danni ad altre.
    Le banche sono un altro tasto dolente!!!!

  24. # barbara

    Il classico discorso da livornese…se è gratis anche la polmonite, che schifo, siete voi che rovinate la città…il parcheggio all’odeon costa 1€ l’ora.

  25. # barbara

    Perfettamente d’accordo con te….mai messo piede in un centro commerciale!

  26. # bumme

    Certo Barbara, io non sto parlando di un parcheggio costruito apposta che ovviamente deve essere pagato, ma del normale parcheggio in strada che potrebbe essere regolato con il disco orario.
    Poi, fiero di essere livornese e tifare per le cose giuste. grazie

I commenti sono chiusi.