Casa, dalla Regione contributo (di 3 anni) sull’affitto. I dettagli

Mediagallery

Fino al 28 gennaio la Regione mette a disposizione dei giovani toscani di età compresa tra i 18 e i 34 anni (con priorità alla fascia fra 30 e 34) che intendono scindersi dalla famiglia d’origine e costituire il loro nuovo ed autonomo nucleo familiare, un contributo della durata di tre anni per il pagamento del canone di locazione dell’alloggio. E’ il bando “Misure a sostegno dell’autonomia abitativa dei giovani. Contributo al pagamento del canone di locazione” riferito alla quarta tranche di un pacchetto di interventi di complessivi 45 milioni di euro, da erogare nel triennio 2013-2015.

Scadenza: Gli interessati hanno tempo fino al 28 febbraio 2014 compreso per presentare la domanda.

 Giovani dai 18 ai 34 anni che vivono in Toscana: L’intervento è diretto ai giovani in età compresa tra i 18 ed i 34 anni (con priorità per la fascia 30-34 anni), residenti in Toscana da almeno 2 anni presso il nucleo familiare di origine.

Contributo da 150 a 350 euro al mese per 3 anni: E’ previsto un contributo variabile da 1.800 a 4.200 euro all’anno per tre anni (da un minimo di 150 ad un massimo di 350 euro al mese) a seconda delle fasce di reddito e tenendo conto della presenza e del numero di figli. Il contributo al pagamento dell’affitto verrà erogato in quote semestrali anticipate a seguito della presentazione di un regolare contratto di locazione. L’immobile da affittare come prima casa, e per la durata minima di tre anni, deve essere situato in Toscana e deve presentare i requisiti di abitabilità. Il contratto di affitto, deve essere stipulato e presentato alla Regione Toscana entro centottanta giorni dall’approvazione della graduatoria degli ammessi a contributo che sarà pubblicata sul BURT e resa disponibile sul sito web di Giovanisì.

Requisiti dei giovani richiedenti: Tutti i seguenti requisiti debbono essere posseduti alla data di presentazione della domanda di contributo.

Il limite massimo di reddito IRPEF dei giovani richiedenti:  35.000 euro per i nuclei monoparentali e per i singoli; 45 000 euro in caso di nuclei familiari coppie sposate o di fatto; 55.000 in caso di tre o più richiedenti.

Tre fasce di reddito: minima, intermedia, massima: Il contributo sull’affitto sarà più alto se la fascia di reddito a cui appartiene il giovane, o la coppia, o il gruppo è più bassa. Diminuisce con l’aumentare del reddito. Tre le fasce di reddito: minima, intermedia e massima (per tabella consulta il bando). Il reddito IRPEF è quellopercepito nell’anno 2012 riportato nella documentazione fiscale 2013. L’attestazione Isee da allegare alla domanda è quella in corso di validità e comunque rilasciata prima del 28 febbraio 2014.

Il contributo aumenta con il numero di figli: Il contributo al pagamento del canone di locazione varia da un minimo di 1.800 (150 euro al mese) ad un massimo di 4.200 euro all’anno (350 euro al mese) ed è articolato in rapporto alla presenza di figli e alle fasce di reddito (per tabella consulta il bando) .

Come presentare la domanda: la domanda può essere presentata a mano o per posta al seguente indirizzo: Regione Toscana, D.G. Diritti di cittadinanza e coesione sociale, Settore politiche abitative, Via di Novoli 26, 50127 Firenze e per via telematica attraverso il sistema informatico regionale denominato “[email protected]” (per info sul sistema [email protected] clicca anche qui) oppure tramite la propria casella di posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo [email protected]

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Brividi

    Spero che la data giusta sia quella scritta nella sezione “scadenza”….

I commenti sono chiusi.