Caro acqua, Livorno al 7° posto in Italia (485 euro). Il confronto

di msarti

Mediagallery

Caro acqua, a Livorno la spesa annua è di 485 euro, un dato che ci colloca al 7° posto in Italia  in cui il servizio idrico costa di più. Lo certifica l’indagine annuale realizzata dall’osservatorio prezzi e tariffe di “Cittadinanzattiva”, che ha raccolto e messo assieme i dati (relativi al 2012) di tutti i capoluoghi di provincia.
A consolare (si fa per dire) c’è il fatto che nella top ten delle città più care dello Stivale figurano 8 città toscane. Al primo posto ci sono Firenze, Pistoia e Prato con 509 euro l’anno di spesa. Seguono Arezzo, Grosseto e Siena. Poi ci siamo noi con 485 euro. L’ottava città toscana che rientra fra le 10 più care è Pisa (decima posizione) con 471 euro.
La Toscana, con ben 8 città tra le prime 10 più care del Paese, si conferma la regione con le tariffe mediamente più alte (470 euro).
Dove si spende meno in Italia? A Isernia: 110 euro. In una metropoli come Milano si spendono 123 euro (guarda qui il rapporto completo).
Inoltre, sempre secondo quanto rilevato da Cittadinanzattiva, negli ultimi sei anni le tariffe sono aumentate del 33%.  Aumenti consistenti si sono registrati anche nel raffronto tra il 2012 e l’anno precedente: i costi sono cresciuti, in media, su base nazionale, del 6,9%, con oltre 80 città che hanno visto le tariffe ritoccate all’insù. L’altro aspetto, anche questo poco invidiabile, è che secondo il rapporto “Legambiente-Ecosistema Urbano 2012” in media il 33% dell’acqua introdotta nelle tubature va persa.
I numeri si riferiscono al servizio idrico integrato per uso domestico: acquedotto, canone di fognatura, canone di depurazione e quota fissa (o ex nolo contatori).

Riproduzione riservata ©