Capitaneria, inaugurato il 3° polo formativo nazionale

Mediagallery

Lunedì 9 marzo, il Centro di Formazione specialistica “M.A.V.M. Bruno Gregoretti” di Livorno, inaugurato il 19 ottobre 2009 quale Comprensorio Logistico del Corpo delle capitanerie di Porto, è stato riconosciuto come vero e proprio Centro di Formazione specialistica a livello nazionale in materia ambientale, di pesca e dei servizi di istituto del Corpo delle capitanerie di Porto. Il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, nel porgere il proprio saluto, ha espresso la propria soddisfazione per la scelta di Livorno quale sede del Centro di Formazione nazionale. “Sono molto contento che Livorno sia ancora una volta al centro dell’attenzione per la qualità della formazione nazionale. Molti eventi hanno legato la mia vita sportiva con le Capitanerie di Porto e con il loro essere sempre a disposizione dei cittadini per la sicurezza in mare. Avere in città un centro di formazione specialistica in materia di salvaguardia ambientale, riconosciuto a livello nazionale, non può, dunque, che rendermi soddisfatto”. Erano presenti alla cerimonia il Sottosegretario di Stato MATTM, On. Silvia Velo, il Vice Comandante del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guarda Costiera, A.I (C.P.) Ilarione Dell’Anna, il Direttore Marittimo della Toscana, C.A. (C.P.) Arturo Faraone e il capo del reparto Ambientale presso il MATTM, C.V. (C.P.) Aurelio Caligiore.

“Conservazione, tutela e salvaguardia dell’ambiente marino e costiero sono la chiave di volta per uno sviluppo sostenibile delle attività legare al mare. Attività che, secondo gli ultimi dati forniti da Unioncamere, producono annualmente beni e servizi per un valore di 41,5 miliardi di euro, pari al 3% del Pil nazionale”.  E’ quanto ha dichiarato questa mattina il Sottosegretario all’Ambiente Silvia Velo, a Livorno, nel corso dell’inaugurazione del Centro di Formazione Specialistica in materia ambientale della Guardia Costiera. “Per il Ministero dell’Ambiente – ha continuato Velo – la tutela del Mediterraneo e l’attuazione della Direttiva Europea sulla Marine Strategy sono una priorità: bisogna garantire al nostro mare il raggiungimento del buon stato ecologico ambientale da qui al 2020. Per fare questo – ha continuato Velo – dobbiamo essere innovatori, attrezzati e specializzati. E proprio l’attività di formazione che si fa in questo centro, a Livorno, è particolarmente rilevante per il Paese e per la tutela delle nostre acque. A tal proposito voglio ringraziare – ha concluso Silvia Velo – il lavoro importantissimo che le donne e gli uomini del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera svolgono quotidianamente”.

Riproduzione riservata ©