Cani senza guinzaglio: multe a raffica

Mediagallery

Cani senza guinzaglio? Interviene la polizia municipale con multe da 50 euro ai proprietari indisciplinati. In poche ore di servizio gli agenti hanno pizzicato sette padroni che hanno trasgredito le regole tra il parco di via del Vigna e il lungomare. “La Polizia Municipale – spiega a Quilivorno.it Michela Pedini, responsabile sicurezza e mobilità della polizia Municipale – svolge servizi mirati in borghese per il controllo del rispetto delle norme sulla conduzione del cane e della raccolta delle deiezioni”. Tuttavia, rimangono tantissimi gli esposti di cittadini in cui lamentano di non poter fruire liberamente di parchi e aree a verde a causa della presenza di cani condotti senza guinzaglio. I parchi dove si concentrano i reclami per cani “sciolti”sono quello di via del Vigna, Zola, Fortezza Nuova, Villa Fabricotti e i pratini del lungomare. La presenza di deiezioni risulta fastidiosa soprattutto sui marciapiedi dove vengono lasciate soprattutto la sera o al mattino presto. Le lamentele dei proprietari sono molteplici. “I proprietari dei cani lamentano che le aree di sgambatura sono poche – spiega la responsabile della municipale – che gli altri proprietari di cani li tengono dentro a lungo e non raccolgono le deiezioni e che i cani nelle aree destinate si azzuffano tra loro. In via del Vigna ci sono litigi tra i residenti e i proprietari dei cani che chiedono che sia realizzata un’area dedicata. Un tempo quel parco era interdetto ai cani ma adesso possono entrare”.
Dall’entrata in vigore della legge regionale toscana 59/2009, recepita dal Regolamento Comunale sulla tutela degli animali del comune di Livorno, i cani possono accedere a tutte le aree a verde che non abbiano esclusivamente una particolare destinazione, come ad esempio i parchi giochi. “Per il rispetto e la sicurezza di tutti – chiude la dirigente – i cani devono essere condotti con guinzaglio non superiore al metro e mezzo. La conduzione del cane al guinzaglio consente poi al padrone di verificare dove il cane lascia i propri escrementi e rimuoverli con maggiore facilità”. 

 

Riproduzione riservata ©