“Blitz” ecologico sulle spiagge. Protagonisti i bambini

Mediagallery

Con la giornata ecologica si conclude con successo il progetto triennale del Comune di Livorno e di Aamps “Eco Differenziamoci”
Complice una splendida giornata primaverile, circa 800 persone, soprattutto bambini, hanno preso d’assalto questa mattina il litorale livornese. E non tanto per una gradevole passeggiata o per prendere il sole, ma con una finalità ben più “alta” di natura sociale e ambientale: pulire le spiagge da oggetti e detriti lasciati incautamente o portati dalla corrente marina. Un successo non soltanto in termini di presenze e di decoro ma, soprattutto, per il forte messaggio educativo lanciato a tutti i partecipanti e alla cittadinanza.
La Giornata Ecologica, tradizionale evento annuale organizzato da Comune di Livorno ed Aamps, chiude idealmente il progetto triennale di ecologia urbana “Eco Differenziamoci” ed ha coinciso con la prima “European Clean Up Day” (ECUD), la giornata di recupero dei rifiuti abbandonati lanciata dalla Commissione Europea e coordinata dal Ministero dell’Ambiente con il coinvolgimento contemporaneo di decine di Paesi stranieri.
Agli allievi delle scuole elementari cittadine sono stati consegnati guanti, sacchi e pinze raccoglitrici. Suddivisi in gruppi ed in 3 ore di lavoro, con il supporto degli operatori dell’uff. Ambiente del Comune di Livorno, di Aamps e di numerose associazioni di volontariato, hanno pulito le aree precedentemente individuate: Accademia, Vela, Felciaio, Rotonda, Gabbiano, Tre Ponti, Tamerice, Cà Bianca, Longa, Ballerina e Sale.
Nell’occasionene hanno fornito un significativo contributo anche il Coordinamento delle Comunità straniere, Centro Servizi Donne Immigrate, l’Unicef, la Lipu, Legambiente, Club Alpino Italiano – Sezione di Livorno, Ecologisti Democratici, il Centro Sub Livorno e Asd Livorno che hanno raccolto i rifiuti presenti nei fondali davanti al Gabbiano alla Rotonda di Ardenza. Da segnalare anche le presenze della Polizia Municipale, con l’unità mobile dedicata all’educazione stradale, e degli studenti “ambasciatori in Europa” che proprio recentemente hanno presentato alla Commissione Europea di Bruxelles gli esiti del progetto triennale raccogliendo consensi anche direttamente dal Commissario all’Ambiente. All’interno dell’info point di Comune e di Aamps hanno consegnato gadget ecologici e materiale informativo a tutti i presenti, con particolare riferimenti ai progetti di raccolta differenziata avviati ed in programma.
Nel pomeriggio è stata poi inaugurata presso la Fondazione LEM la mostra dei disegni sui temi ambientali realizzati da tutte le scuole elementari e medie che hanno aderito al progetto “2050. Ecodifferenziati”. In più è stato proiettato il video dal titolo “Il brutto, brutto mondo del signor Mario” prodotto dall’Associazione Licaoni, interpretato da Claudio Marmugi e realizzato in chiave ironica per sensibilizzare ulteriormente la cittadinanza alla raccolta differenziata dei rifiuti.

Riproduzione riservata ©

Photogallery