Anche 30 profughi a pulire le spiagge

Mediagallery

di Jessica Bueno

Spiagge e fondali puliti: questo è l’obiettivo che fa da sfondo all’iniziativa che avrà luogo sabato 9 maggio. Dalle ore 9 alle ore 12 inizierà la missione di pulizia delle spiagge del litorale livornese, partendo dall’Accademia fino ad arrivare alla spiaggia del Sale ad Antignano. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare.
Da segnalare quest’anno l’adesione di circa 30 “richiedenti asilo” che ospiti del Cesdi affiancheranno membri della stessa associazione nella pulizia della spiaggia del Felciaio. Un gesto simbolico, oltreché una piccola azione concreta, di integrazione e di voglia di stare insieme nel condividere le regole.

“E’ un’iniziativa importantissima – afferma l’assessore all’ambiente Giovanni Gordiani – Un gesto simbolico di un giorno che deve servire a far scattare una sensibilità al tema ambientale in ognuno di noi. Alla fine dell’estate scorsa ci siamo ritrovati ad affermare la necessità di fare multe a chi sporca; ma la multa è un insuccesso, in quanto conseguenza di un comportamento negativo da parte di qualcuno, per questo la sensibilizzazione è importante. Tante associazioni hanno aderito, non solo col loro logo, ma con interventi veri e concreti sul territorio che mettono in pratica la politica”.

Il 9 maggio è una data significativa, coincide con l’anniversario della dichiarazione di Schuman, la quale, rilasciata dall’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman il 9 maggio 1950, viene considerata come il primo discorso politico ufficiale in cui compare il concetto di Europa come unione economica e, in prospettiva, politica tra i vari Stati europei e rappresenta l’inizio del processo d’integrazione europea.

“Oltre alle associazioni – continua Gordiani – che hanno aderito abbiamo il sostegno dei richiedenti asilo. Hanno dimostrato una grande apertura nel voler comprendere le nostre regole.  La sensibilizzazione al tema dei rifiuti ha avuto inizio 40 anni fa circa: siamo ancora qua a continuare questa operazione, purtroppo ce n’è ancora bisogno. E’ triste, ma dobbiamo provarci”.

La campagna si estende a tutta la costa, durante l’estate ci saranno altre iniziative di questo genere. Anche i bambini possono partecipare, potranno contribuire all’operazione in spiagge a loro facilmente accessibili.

“Abbiamo ricevuto un grande input – afferma Andrea Valenti, responsabile dell’ufficio comunicazione di Aamps – Si inizia con questa iniziativa, ma abbiamo già una scaletta di appuntamenti in cui l’info point del Comune e dell’Aamps sarà presente. Il giorno di questa manifestazione saremo presenti dalle 9. Il giorno prima faremo una supervisione delle spiagge per poter rimuovere oggetti potenzialmente pericolosi. Distribuiremo ai partecipanti sacchi, cappellini e guanti. L’info point sarà per tutta la mattinata a disposizione dei cittadini che, anche se non parteciperanno direttamente, vorranno avere informazioni sui rifiuti e la raccolta differenziata. Servirà inoltre a cercare di captare, da parte loro, stimoli, suggerimenti ed indicazioni. A questa iniziativa ha preso parte un gran numero di soggetti, questo richiede un maggiore impegno da parte dell’ufficio di cui sono responsabile. Dalla prossima settimana fino a settembre, Comune e Aamps saranno presenti continuativamente per pulire i nostri tratti di spiaggia. Sulla tematica dell’igiene c’è un fervore nuovo, gestendo i rapporti con le scuole e raccogliendo la volontà dei cittadini di dare un concreto contributo alla pulizia della città ci sentiamo maggiormente stimolati a far meglio il nostro lavoro”.

GORDIANI ASSESSORE SPIAGGE LETS CLEANAnche la polizia municipale parteciperà con l’aula mobile, che sarà possibile visitare. “La presenza della polizia municipale – afferma Luca Conti, poliziotto – è importante, in quanto la tutela dell’ambiente le compete direttamente, non solo per quanto riguarda le sanzioni ma anche da un punto di vista educativo ed informativo. Ho avuto spesso modo di lavorare con ispettori ambientali dell’Aamps, questo ci mette nelle condizioni migliori per avere un rapporto di vicinanza col cittadino, prima che repressivo di indicazione. Le norme esistono in quanto garanzia per i più deboli, per far vivere meglio noi e l’ambiente che ci circonda. Ci auguriamo che l’aula mobile serva a vedere nella polizia municipale un punto di riferimento, un tramite tra le esigenze e le male abitudini del cittadino e l’amministrazione che lo può aiutare a vivere meglio”.

A seguito dell’iniziativa, ci sarà un intervento da parte dell’attore Claudio Marmugi: “E’ il quarto anno che collaboro con questo tipo di manifestazioni – afferma – Mi scontro coi livornesi e non che non amano la propria città. Il livornese ragiona così: ‘Con tutto quello che pago di spazzatura vuoi che non ci butti il plutonio nel cassonetto?!’. L’anno scorso abbiamo fatto un cortometraggio intitolato ‘Il brutto brutto mondo del signor Mario’ che parlava di un uomo che si concentrava essenzialmente sulla pulizia della propria casa, non curandosi di tutto ciò che si trovava al suo esterno. Alcuni bambini gli fanno capire che un mondo pulito è più bello per tutti, non dobbiamo pensare solo alla nostra casa”.

Anche l’Svs supporta l’iniziativa. “Dal 15 giugno al 15 settembre – afferma Simone Scateni – siamo inseriti nel progetto ‘Estate sicura’, rafforzeremo la presenza sanitaria nelle zone meno accessibili attraverso un’attività via mare, servendoci dell’idroambulanza. Saremo presenti come mezzo sanitario per ogni tipo di esigenza e per dare informazioni”.

11180305_10205257021157676_1525564245972939553_nVerranno distribuiti ai partecipanti cappellini di vari colori col logo dell’iniziativa e i ‘mozzichini’, che serviranno a contenere i mozziconi di sigaretta che sempre più spesso vengono gettati in spiaggia causando inquinamento.

Parteciperanno all’iniziativa le seguenti associazioni: ASD-Sub e Centro Sub Livorno (per poter contribuire alla pulizia dei fondali), Bio Officina, Cai, Cesdi, Ecodem, Legambiente, Lipu, Orientarti, Sale Surf, Svs, Unicef, Wwf e le scuole Lambruschini, Villa Corridi, Carducci, Isis Niccolini Palli e Sacro Cuore.
Programma evento:

-ore 9:00

Ritrovo dei partecipanti alla Rotonda di Ardenza. Saranno divisi in squadre diverse.

-ore 9:00 – 12:00

Pulizia delle spiagge

-ore 12:00

Saluti dell’assessore all’ambiente e mobilità sostenibile

A seguire:

-Esibizione musicale da parte degli studenti del Liceo musicale ISIS Niccolini Palli

-Intervento dell’attore Claudio Marmugi

Riproduzione riservata ©

39 commenti

 
  1. # Matt

    Bene, ottima iniziativa! Partecipiamo numerosi!!!

  2. # Enrico

    Dove sta scritto che pagano?

  3. # luca

    ripulite le spiagge rimandiamoli a casa…

  4. # cattivone

    perfettamente d’accordo!
    Aggiungo che questa operazione propagandistica, per far apparire tutti “buoni profughi” mi ha catturato: alle prox regionali voterò (in modo disgiunto) sel e papa francesco.
    P.S. il titolo con scritto profughi è sbagliato (non ho motivo di dubitare che sia accaduto in buonisssssima fede): sono richiedenti, i quali ricevono il contributo di 40-45 euro giornalieri + la paghetta (pocket money), inoltre ricordo che solo ad una minoranza che si aggira sul 7-10% viene riconosciuto lo status di profugo.

  5. # paolo

    un rifugio e un pasto caldo?

  6. # Patrizia

    Ecco, questa è un’ottima trovata per impedire ai profughi di finire
    nelle fila della malavita !

  7. # Andrea

    Gli immigrati lavorano meglio, o quantomeno hanno voglia di lavorare.
    Proprio oggi mi hanno raccontato del gruppetto di disoccupati TRW che, assunti come interinali in un’altra azienda, si sono “licenziati” perchè non gradivano i ritmi lavorativi.

  8. # ormeggio

    Ma i richiedenti lavoro nostrani livornesi non si potevano cercare? C’è ne sono tanti che aspettano qualsiasi lavoretto pur di tirare avanti!!

  9. # Franz

    Un’idea… Facciamoli lavorare ma dovranno pagare loro per farlo… Non siete mai contenti, eh?

  10. # PIO

    questi finti profughi , in maggioranza senegalesi non aspettano altro di andare a fare gli abusivi o gli estorsori ai parcheggi , una volta ottenuto il permesso di soggiorno per motivi umanitari. Se poi a molti non sara’ concesso (oltre il 70% di richieste rigettate..) questi sono pronti a mettere a ferro e fuoco Livorno come accade spesso in altre città. Vanno espulsi punto.

  11. # karl

    si ok bene l’iniziativa oltre ai profughi, e ai disoccupati che stanno a prendere il sole ai tre ponti anche i signori della caserma okkupata…

  12. # Fede

    Bene con quello che ci costano i profughi almeno fanno qualcosa di utile , invece di stare seduti sulle spallette dei fossi ad ascoltare la musica aspettando l’ora del pranzo ….

  13. # Livorno pulita

    Ottima iniziativa, un grande ringraziamento a tutti i partecipanti alla pulizia delle nostre spiagge, io suggerisco di estenderla anche per le strade della città dotando i cittadini volenterosi di granate e palette e di aumentare ulteriormente la TARES/TARI per garantire il rimborso spese dei nostri amministratori.

  14. # mahh

    con tutto quello che ricevono vogliono anche gli applausi? dovrebbe essere la norma

  15. # D

    Menomale si danno da fare i profughi a dare una mano, sarebbe una cosa scontata..”io ti do vitto alloggio aggrattisse!! E te in cambio svolgi lavori di pubblica utilità….aggrattisse ovviamente!!!! Ma gli altri 100/150 profughi che stanno a livorno non possono aggiungersi anche loro? Ah..no devono stare in piazza del municipio e in piazza grande con lo smartphone collegati al Wi-Fi….profughi con lo smartphone! Io vado a lavorare per comprarmi lo smartphone, loro da dove l’hanno tirato fuori? E menomale che c’è miseria nel loro paese! Sono ospitati in un centro a 30 metri da casa mia , dico la verità, sono tranquilli e per ora rispettosi..ma i telefoni da 200€ chi glieli ha dati? Li hanno portati dall’Africa su un barcone….mah? Misteri….

  16. # Livornese_acquisito

    Forse non ti è chiaro che si parla di volontariato…

  17. # fox

    Mi sono commosso…anche i profughi a pulire….

  18. # Stefano

    prima “migranti” ora”profughi” anche quelli che vengono dal Senegal dove per fortuna guerre non ci sono. Questa la chiamerei “operazione fumo negli occhi”: si prendono 30 persone arrivate in Italia senza apparente motivo (e gli altri 300,000?) e si fanno fare i volontari per far vedere che sono bravi. Per fortuna vedo che anche a Livorno, “città dell’accoglienza e tolleranza”, patria delle Livornine (che poi sono fiorentine), qualcuno si sta svegliando: non è così che si affronta il problema di migliaia di persone (non si può più scrivere il termine giusto, vale a dire quello che definisce  l’ingresso o il soggiorno di cittadini stranieri in violazione delle leggi di immigrazione del paese di destinazione), che tutti i giorni o sbarcano o arrivano in aereo o dalle città del nord est. La pillola del volontariato proprio non va giù.

  19. # Alessandro

    Lo dovrebbero fare tutti gli immigrati tutti i giorni fintanto gli diamo i NOSTRI soldi per vitto e alloggio e paghetta, mi sembrerebbe normale è un dare e avere

  20. # alessio

    Sarebbe il minimo con quello che tutti noi paghiamo per mantenerli negli alberghi 3 Stelle vedi piazza della Repubblica ecc.ecc….tutti vestiti meglio di noi…I phone, collane e Nike…tutto il giorno a gironzolare senza fare niente in città…..fate voi! se questa è accoglienza non abbiamo capito proprio nulla!

  21. # Nedo

    Quanta ignoranza! ma leggere prima di commentare/criticare a caso no eh?

  22. # Teseo

    Bravo Stefano, anch’io la penso come te. E come noi tantissimi. Ma le nostre opinioni non contano…

  23. # Teseo

    Comunista e schiavista.

  24. # dat

    Con tutto quello che ci costano i profughi dovrebbero lavorare gratis per 30 anni : ammesso che abbiano voglia di lavorare…..

  25. # Salvatore

    Fate pure VOI con i 35€ al giorno, beh aspettiamo ancora per i nostri nipoti a fare qualcosa…Tanto cosa vuoi appena sbarcati, puliti, sfamati, ….aspettano il “PERMESSINO” e tutti allegri e contenti!!!!!…..POVERA ITALIOTA………

  26. # Salvatore

    Volevo solo aggiungere: “Non ci saranno tra loro qualche “testa calda” che……Mi auguro di NO, altrimenti……

  27. # Stingary

    Ma pulissero le spiagge a casa loro no eh???

  28. # Nico

    Basterebbe fare come l’Australia!!!

  29. # adriano

    voglio vedere quanti d’avvero ci vanno di questi profughi la maggioranza saranno livornesi
    a proposito il comune spende circa 200 000 mila euro il mese per assistere questi profughi
    e solo in minima parte saranno rimborsati dallo stato e questi soldi saranno tolti ai cittadini livornesi

  30. # Matt

    Ci fosse stato uno che ha scritto di partecipare alla lodevole iniziativa di ripulire il nostro mare, vilemente deturpato dalla leggerezza quotidiana di noi cittadini. Solo gli immigrati ci vedete… State a pensare ai cellulari che hanno, non pensate magari a portarci i vostri figli per educarli e sensibilizzarli sul tema dei rifiuti. Non spiegateli che le generazioni future affogheranno nella plastica. Pensate a spiegargli degli uomini neri e cattivi che telefonano gratis e che fanno finta di scappare dalle guerre. W voi…

  31. # elena

    i 35euro vengono dati alle associazioni che gestiscono l’accoglienza: vitto, alloggio, vestiti, corsi di italiano etc. Che sono gestite da cittadini italiani o stranieri regolarmente presenti sul nostro territorio.

  32. # Roberto - Bobbe

    I profughi? Con quello che ci costano dovrebbero fare lavori socialmente utili, pulire le strade, tagliare l’erba dalle aiuole, togliere le cachet te qua e là dei cani, aiutare gli anziani… da come si è scritto il titolo sembra che invece ci facciano un favore.

  33. # elena

    non sono immigrati quelli per la cui gestione vengono dati i 35euro giornalieri, ma richiedenti asilo.
    se proprio dovete lamentarvi, perchè non vi lamentate per il fatto che la burocrazia è lenta e queste persone attendono fino a 2anni (spesati) prima di essere convocate per la verifica della richiesta d’asilo?

  34. # pro-boldrini

    a me mi sembra un ingiustizia bella e buona, questi sono dei disperati che hanno patito Dio solo sa cosa e noi come risarcimento di quei du’ spiccioli li mettiamo ai lavori forzati sulle spiagge come se fossero delinquenti. che mondaccio…

  35. # LIVORNESOIDI BEN VI STA'

    o come fa il CANADA.per esempio.

  36. # Walter

    Secondo me dovrebbero andare a pulire le spiagge di tutta Europa, non possiamo ospitarli solo in Italia. Entro quest’anno ne arriverà un milione…ma come si fa?

  37. # Walter

    Secondo me dovrebbero andare a pulire le spiagge di tutta l’Europa non solo quelle italiane. Ne sta arrivando un altro milione…ma come si fa ad ospitarli tutti?

  38. # ormeggio

    Scommettiamo che durante le mareggiate di Luglio e Agosto come e’ successo il ferragosto dello scorso anno, non ci sono gli immigrati a pulire le poche spiagge… Si fa per dire.. Scogli con un po’ di terra???? Vedremo

  39. # ormeggio

    Comunque se proprio devono pulire fatelo fare anche a Luglio Agosto e Settembre non solo ora e sopratutto quella striscia di simil spiaggia sotto hotel Universal

I commenti sono chiusi.