Amianto, rimossi oltre 240 chili da Aamps

Comune di Livorno, A.Am.P.S. SpA e Polizia Municipale in azione per limitare gli scempi causati da ignoti

Mediagallery

Oltre 240 kg. di materiale in eternit abbandonato in mezzo alla vegetazione, accanto ai cassonetti per la raccolta dei rifiuti oppure in prossimità dei marciapiedi. Si tratta, presumibilmente, di scarti di lavori effettuati in più di un condominio che hanno costretto l’ufficio Ambiente del Comune di Livorno ed Aamps, su segnalazione dei cittadini e degli ispettori ambientali, ad attivarsi con sollecitudine. Gli operatori sono intervenuti in questi giorni in viale del Tirreno, via Valle Benedetta, via del Limoncino, via della Stazione, via di Collinaia, via di Popogna e Scali delle Cantine. Le aree sono state dapprima circoscritte per evitare potenziali contatti con i cittadini e, successivamente, si sono realizzati gli intervenuti in sicurezza. Contestualmente sono scattate le indagini della Polizia Municipale per individuare i colpevoli dell’accadimento potenzialmente dannoso per le persone e per l’ambiente.
Si coglie l’occasione per invitare i cittadini a non adoperarsi autonomamente per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto che deve avvenire a cura di tecnici esperti a causa della potenziale pericolosità. Chi fosse interessato a segnalare eventuali abbandoni in altre zone, la cui rimozione e smaltimento è notoriamente particolarmente costosa, può fare riferimento agli organi preposti al controllo del territorio così come all’uff. Ambiente del Comune di Livorno (0586/820.343; [email protected]) oppure ad Aamps (800-031.266 (numero verde), whatsapp (366-62.00.878), [email protected], www.aamps.livorno.it, app/facebook/twitter (“Aamps Livorno”).

Riproduzione riservata ©