All’ospedale con lo scooter rubato: preso

Un arresto e due denunce nelle ultime ore da parte dei carabinieri. Un uomo denunciato per ricettazione in quanto ha accompagnato la coniuge al pronto soccorso a bordo di uno Scarabeo risultato rubato

Mediagallery

Nelle ultime ore i carabinieri di Livorno, nel corso della normale attività di controllo del territorio, hanno proceduto all’arresto di una persona ed alla denuncia in stato di libertà di altre due per reati che vanno dallo spaccio di sostanze stupefacenti, alla ricettazione.
A finire in manette è stato il 44enne tunisino Lotfi Baccouch, pregiudicato da tempo domiciliato a Livorno. L’uomo è stato prelevato a casa dai carabinieri della stazione “porto” e, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla procura, è stato condotto al carcere delle Sughere. Il nordafricano, infatti, sottoposto agli arresti domiciliari per reati contro il patrimonio, sarebbe stato più volte sorpreso dai militari a violare i relativi obblighi di rimanere in casa. Le segnalazioni da parte dei carabinieri hanno, pertanto, convinto l’autorità giudiziaria competente ad emettere l’ordine di arresto.

I militari del Norm di Livorno hanno denunciato in stato di libertà per il reato di ricettazione il 36enne tunisino j. M. M. A., pregiudicato residente da tempo a Livorno. I fatti si sono svolti al pronto soccorso dell’ospedale labronico. I militari, infatti, sono intervenuti al nosocomio dove una donna, una 32enne livornese, aveva riferito di essere stata malmenata dal proprio marito, il 36enne tunisino, anch’egli presente al pronto soccorso per essere refertato. Gli accertamenti dei carabinieri ha consentito di collegare l’evento ai continui dissapori tra i due coniugi i quali, però, avrebbero fornito distinte versioni sulle quali sono tuttora in corso approfondimenti investigativi proprio in ragione delle forti incongruenze evidenziate. Nella circostanza, tuttavia, il nordafricano è stato comunque denunciato per ricettazione, avendo accompagnato la coniuge al pronto soccorso a bordo di uno “Aprilia Scarabeo” risultato rubato. Il mezzo è stato poi restituito al legittimo proprietario.

Sempre nella giornata del 27 maggio, i carabinieri del nucleo radiomobile hanno deferito un altro cittadino tunisino, il 33enne S. R., pregiudicato residente a Livorno. L’uomo è stato denunciato, in stato di irreperibilità, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare i carabinieri, nel corso di un controllo nell’abitazione del nordafricano, riuscito a darsi alla fuga pochi istanti prima dell’arrivo degli stessi militari, hanno rinvenuto e sequestrato 35 grammi di eroina, 10 grammi di “shaboo” e 140 euro in contanti. Nella stessa circostanza, i carabinieri hanno segnalato quale assuntrice alla competente autorità amministrativa una 28enne livornese alla quale, poco prima, il tunisino aveva ceduto alcune dosi di eroina.

Riproduzione riservata ©