All’opera per pulire le Terme. Presente anche De Falco

Quello di sabato 30 aprile è il primo di una serie di interventi di pulizia che le associazioni intendono portare avanti ogni weekend di maggio

Mediagallery

di Claudio Caprai

Il 30 aprile circa 150 volontari di tutte le età si sono ritrovati nel giardino delle Terme del Corallo per la prima operazione di campagna di pulizia dell’antico edificio. Guidati dall’associazione Reset e dalla onlus Terme del Corallo (in fondo all’articolo trovate la fotogallery di Simone Lanari e Claudio Caprai) e con le attrezzature messe a disposizione dell’Ufficio Giardini del Comune, i presenti hanno ripulito tutta l’area in poche ore. L’iniziativa ha riscosso un grande successo: hanno partecipato giovani, studenti, adulti, anziani e non livornesi. Erano infatti presenti anche una ventina di immigrati che hanno contribuito all’imponente lavoro. Già alla fine della mattinata l’erba era completamente tagliata, stravolgendo in positivo l’aspetto delle Terme. “Il lavoro si è realizzato più velocemente del previsto – spiega Giuseppe Pera di Reset – questo è solo il primo passo di un percorso che sarà lunghissimo. Non potevamo partire in modo migliore”.
Il prossimo obiettivo è quello di rendere fruibile il parco a tutti i cittadini, permettendo loro di visitarlo in modo da non vanificare il lavoro svolto fino ad adesso. Alla fine della mattinata è stata svelata la “sorpresa” dell’evento: una serie di bottiglie di vino bianco e rosso, della cantina Mister Bacco, realizzate per l’occasione con un’etichetta commemorativa. Il vino è rimasto ai partecipanti come ricordo della mattinata. Tra i tanti erano presenti anche personaggi di spicco come l’assessore Aurigi, il Comandante De Falco e l’ingegnere Fiorini. Quello di sabato 30 aprile è il primo di una serie di interventi di pulizia che le associazioni intendono portare avanti ogni weekend di maggio.

Riproduzione riservata ©