Accademia, “lo giurano” in 111 (fra cui 20 donne)

Mediagallery

di Roberto Olivato

Sotto un cielo minaccioso caratterizzato da un vento gelido, anche quest’anno nel piazzale del brigantino all’Accademia Navale, è salito alto nel cielo il grido “lo giuro!”,  pronunciato da 182 allievi ufficiali di cui 111 iscritti alla prima classe, fra cui 20 donne (clicca sul link in fondo all’articolo per poter accedere alla fotogallery). Un’avventura che dopo tre anni di Accademia, porterà gli allievi a conseguire la Laurea in Scienze Marittime e Navali.Presenti alla cerimonia le massime autorità cittadine, civili, religiose e militari, nonché tantissimi familiari provenienti da ogni parte d’Italia per abbracciare figli, nipoti, sorelle e fratelli. Si, anche se sono ormai passati 133 dalla sua nascita, l’Accademia Navale si presenta sempre col suo austero fascino, inalterato nel tempo. Come ricordato anche dal Ministro della Difesa  Roberta Pinotti che, accompagnata dal capo di Stato Maggiore della Difesa ammiraglio Luigi Binelli e dal Capo di Stato Maggiore della Marina ammiraglio Giuseppe De Giorni, ha presenziato all’evento “ voi prendete oggi questo impegno di fronte ai vostri superiori, ai vostri familiari ed alla comunità cittadina di Livorno, che dal 6 novembre 1881, sostiene ed accoglie il vostro Istituto come un patrimonio prezioso” Ma parlando di futuro il ministro si è detta soddisfatta per essere riuscita a fa assumere 161 unità nel personale civile che erano bloccate dal 2008 : “ un risultato da me fortemente voluto per dare risposte alle legittime aspettative del personale che comporterà un fruttuoso scambio di competenze fra il personale in servizio e di nuovi assunti ”. Due parole, ma proprio due, il ministro le ha pronunciate ricordando i due fucilieri di Marina La Torre e Girone: “desidero portare ad esempio a voi Allievi, il vostri colleghi fucilieri di Marina Massimiliano La Torre e Salvatore Girone, ammirevoli per spirito di sacrificio, senso dello Stato e stile militare” Purtroppo di più, circa l’andamento della vicenda indiana, il ministro non ha detto riuscendo anche a sottrarsi all’attesa conferenza stampa .

Riproduzione riservata ©