Aamps, Di Gennaro nel consiglio di Cispel Toscana

Mediagallery

Marco Di Gennaro, recentemente nominato dal sindaco di Livorno  Nogarin amministratore unico di Aamps Spa, l’azienda di gestione del ciclo dei rifiuti livornese, è entrato a far parte del Consiglio Direttivo di Confservizi Cispel Toscana (l’associazione regionale che rappresenta 240 aziende di servizio pubblico) su proposta del presidente Alfredo De Girolamo.
Commentando l’ingresso di Di Gennaro nel Direttivo, De Girolamo ha affermato che la nomina dell’amministratore unico di Aamps “è particolarmente significativa, Di Gennaro potrà portare il suo contributo e quello dell’importante azienda che guida in una fase delicata del settore in Toscana, che prevede l’approvazione prossima del Piano Regionale, la modifica della legge regionale sui rifiuti, gli affidamenti nell’Ato Costa e nell’Ato Centro e l’avvio della nuova stagione di Fondi Strutturali”.
“Ritengo importante tramite Confservizi Cispel Toscana avere una costante relazione e confronto con le altre aziende che si occupano di servizi pubblici locali, funzioni essenziali per il benessere e la qualità della vita dei cittadini, in virtù della profonda evoluzione che il settore sta vivendo in ogni sua componente”.
Con queste parole Marco Di Gennaro commenta il proprio ingresso nel Direttivo. “Già dal primo incontro nel Coordinamento Ambiente dell’Associazione – prosegue l’amministratore unico di Aamps Spa – sono emersi temi comuni a tutti i gestori del servizio sui quali sarà opportuno porre grande attenzione e impegno in virtù dell’importanza che il settore dei rifiuti riveste nella quotidianità dei cittadini”.
Marco Di Gennaro, 28 anni, è Amministratore Unico di Aamps SpA, società controllata del Comune di Livorno che si occupa della gestione locale della raccolta dei rifiuti e dell’igiene e del decoro cittadino. Perito informatico, è attivista nei movimenti “Rifiuti Zero” e “Acqua Bene Comune”. Formatore accreditato presso il Centro di Ricerca “Rifiuti Zero” di Capannori.

 

Riproduzione riservata ©