Aamps, bidoni più grandi per la raccolta dell’organico

Comune di Livorno e Aamps puntano ad incrementare la raccolta differenziata. I vecchi bidoni saranno avviati agli impianti per il riciclo di materia

Mediagallery

Iniziato in via sperimentale lo scorso mese di maggio nei quartieri Ardenza e La Rosa, il progetto per la sostituzione dei contenitori stradali per la raccolta dei rifiuti organici prodotti nelle abitazioni è giunto a compimento. A partire da quest’oggi le batterie di cassonetti presenti a Livorno sono dotate di un bidone da 1.100 litri e non più da 360 litri e si punterà ad un progressivo aumento dei conferimenti nell’ordine delle 700 tonnellate annue. L’intento primario del Comune di Livorno e di Aamps è di favorire un ulteriore incremento della percentuale di raccolta differenziata che lo scorso anno ha raggiunto il 45,82% (dato in attesa di approvazione da parte della Regione Toscana). Nelle previsioni dei tecnici la maggiore capienza permetterà ai cittadini di utilizzare il nuovo contenitore anche per disfarsi di piccoli quantitativi di sfalci e potature da giardino, tenendo conto che quantitativi particolarmente consistenti potranno comunque essere consegnati fruendo del servizio di ritiro a domicilio gratuito (numero verde 800-031.266) oppure consegnati ai Centri di Raccolta in Via degli Arrotini (località Picchianti) e in Via Cattaneo (La Rosa). In più è ipotizzata una riduzione nel conferimento dei rifiuti indifferenziati. Il materiale raccolto sarà inviato agli impianti di compostaggio dove sarà riprodotto, in modo accelerato, il processo naturale di decomposizione delle sostanze organiche bio-degradabili. Ne conseguirà un processo di biossidazione e la vagliatura. Il risultato finale sarà il compost. Da segnalare che i contenitori non più utilizzabili saranno avviati agli impianti dedicati al riciclo di materia. Per informazioni: numero verde 800-031.266; [email protected]; www.aamps.livorno.it; facebook/twitter/app (“Aamps Livorno”).

Riproduzione riservata ©