Va dal dentista e fa perdere le tracce

Nel corso dei servizi antidroga, avviati ormai da tempo dai carabinieri, in manette anche un 19enne livornese

Mediagallery

Nuovi controlli a Livorno da parte dei carabinieri. Nelle ultime 24 ore l’attività dei militari ha consentito di trarre in arresto due pregiudicati e di denunciare altre quattro persone. I reati contestati sono quelli di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, evasione e violazione delle leggi sull’immigrazione.
Nel corso dei controlli agli arrestati domiciliari, i militari hanno tratto in arresto per il reato di evasione il 35enne Marenglen Ibrahimi,  originario dell’Albania e domiciliato a Livorno. L’uomo, intorno alle 15, ha dapprima segnalato ai carabinieri che si sarebbe recato dal dentista per poi non fare più rientro in abitazione così come impostogli dalle prescrizioni relative alla sua detenzione domiciliare. A quel punto sono scattate le ricerche che si sono concluse intorno alla mezzanotte quando l’uomo è stato rintracciato per strada ed arrestato. Su disposizione del magistrato, l’uomo è stato ricondotto ai domiciliari.
Nel corso dei periodici servizi antidroga, avviati ormai da tempo dai carabinieri, è finito in manette un 19enne livornese, Francesco Casapieri. Il giovane, in particolare, è stato sorpreso dai militari mentre era intento a cedere ad un coetaneo alcune dosi di stupefacente. Nel corso della successiva perquisizione è stato trovato in possesso di complessivi 30 grammi di hashish e cocaina che sono stati sequestrati insieme ad un piccolo coltello e ad altro materiale utile al confezionamento della droga. A finire nei guai, nella circostanza, anche il giovane acquirente, un 20enne (O. K. le sue iniziali), denunciato in stato di libertà per favoreggiamento nei confronti del ragazzo e per false attestazioni a pubblico ufficiale. Il giovane arrestato è stato poi condotto agli arresti domiciliari.
Sempre per reati inerenti lo spaccio di stupefacenti sono state poi denunciate altre tre persone. Si tratta di tre giovani tutti residenti a Piombino ma fermati e controllati nella notte a Livorno, il 25enne M. D., marocchino, il 24enne L. C. ed il 20enne S. O., denunciati tra l’altro anche per false attestazioni a pubblico ufficiale sulla propria identità. Sono poi stati segnalati alla prefettura altri 4 giovani quali assuntori di stupefacenti e sequestrati complessivi 20 grammi di cocaina già suddivisi in dosi.

Riproduzione riservata ©