Studente precipita dall’hotel, era in gita all’Expo

Mediagallery

Nuova tragedia dopo il caso del 19enne Domenico Murantonio in gita con la scuola e precipitato dalla finestra di un hotel. Stavolta la vittima è un 17enne, Elia Barbeti, di San Vincenzo, in gita a Milano per visitare l’Expo insieme ai suoi compagni di scuola. Il giovane, studente della quarta A del Liceo Scientifico Fermi di Cecina, è precipitato dal sesto piano dell’Hotel Camplus Living Turro di via Stamira D’Ancona, a nord della città di Milano, in zona Lambrate.
Secondo le prime indiscrezioni il ragazzo avrebbe diviso la stanza con altri tre compagni di classe che, quando sono arrivati gli inquirenti sul posto, stavano dormendo. Sul caso sta indagando la squadra mobile del capoluogo lombardo. Secondo le prime ricostruzioni sarebbero da escludere sia il gesto volontario che la spinta. L’ipotesi più accreditata è che si sia trattato di una caduta accidentale. Interrogati, i tre compagni di stanza avrebbero ammesso di aver bevuto e fumato un paio di spinelli, nel corso della notte, e di non essersi accorti che il ragazzo era precipitato. Quando sono stati svegliati dalla polizia la finestra era aperta. Mentre, hanno spiegato, quando sono andati a letto le tapparelle della finestra erano chiuse.

ELIA BARBETTI

ELIA BARBETTI

L’allarme è scattato intorno alle 5 del mattino quando una guardia giurata dell’albergo ha chiamato il numero di emergenza per segnalare il corpo di una persona senza vita. Inutili i soccorsi, la caduta è stata fatale per lo studente che è deceduto sul colpo. Erano arrivati il 14 ottobre a Milano e giovedì 15 ottobre sarebbero dovuti ripartire per rientrare a Cecina.

Il cordoglio del sindaco di San Vincenzo Alessandro Bandini “Credo che in frangenti come questo le parole debbano lasciare posto soltanto al silenzio e al dolore.Non conoscevo personalmente Elia ma ho avuto modo di parlare con molte persone che lo hanno conosciuto e che hanno condiviso tanti momenti con lui, nello sport e nella vita quotidiana; un ragazzo tranquillo, solare e benvoluto da tutti.Vorrei esprimere la mia vicinanza e il mio cordoglio, insieme alla comunità di San Vincenzo, alla mamma, al padre e alla sorella di Elia colpiti in maniera così profonda da questa tragedia; il mio pensiero va a loro. Spero che con l’aiuto di tutti possano trovare la forza per superare questo triste momento. Un grande abbraccio a nome mio personale e di tutta l’amministrazione comunale”

Riproduzione riservata ©